GestoriCarburanti

Domenica, Aug 18th

Last update:08:32:00 AM GMT

Lo Iap ferma l'affissione dei cartelli della promozione Esselunga - Q8

E-mail Stampa

Il messaggio induce in errore perché non specifica che i buoni sconto sono spendibili solo a fronte di un rifornimento minimo di 40 euro

La promozione è quella che fissa, per ogni 50 euro di spesa al noto supermercato Esselunga, l'assegnazione di un buono sconto di otto euro valido per un rifornimento di almeno quaranta euro, effettuato in qualsiasi giorno della settimana, presso uno dei distributori Q8. 

Una promozione che ha trovato il consenso di tanti automobilisti che si sono riversati sugli impianti della compagnia petrolifera tanto che in alcune città le lunghe code hanno provocato la reazione dei residenti nelle vie limitrofe agli impianti interessati. Un successo che ha fatto in modo che la promozione fosse prorogata fino al 13 ottobre.

Ma tale consenso evidentemente nasconde nel messaggio pubblicitario una sorta di comunicazione ingannevole. E' quanto ha stabilito il Comitato di controllo nel bloccare, attraverso l’emissione di un’ingiunzione di desistenza ex art 39 Cap (Codice di autodisciplina pubblicitaria), l’affissione ‘Fate il pieno di convenienza all’Esselunga. Ogni 50 euro di spesa 8 euro di sconto carburante Q8’.

Il messaggio è stato diffuso nel Nord Italia (Milano e nelle regioni Liguria, Piemonte, Toscana e Veneto) attraverso grandi affissioni e, a detta del Comitato di controllo, si è posto in manifesto contrasto con l’art. 2 - Comunicazione commerciale ingannevole - del Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale. Secondo il Comitato di Controllo, infatti, il messaggio era tale da indurre in errore il pubblico in relazione alle condizioni dell'offerta pubblicizzata. A fronte di una promessa assoluta e perentoria "Ogni 50 euro di spesa 8 euro di sconto carburante Q8", e in assenza di idonee indicazioni sulle condizioni necessarie per aderire all’iniziativa e usufruire del beneficio prospettato, il Comitato di controllo ha rilevato il carattere fortemente omissivo e fuorviante della comunicazione.

Non veniva infatti specificato in alcun modo che i buoni sconto ottenibili erano spendibili nei punti vendita Q8 aderenti all’iniziativa solo a fronte di un rifornimento minimo di 40 euro. La comunicazione contestata risultava pertanto irrispettosa del principio di correttezza previsti dalle norme autodisciplinari e non conforme al principio di ‘autosufficienza informativa’ del messaggio, volto a evitare il cosiddetto ‘primo aggancio’ del consumatore, oggetto di consolidata giurisprudenza del Giurì. Da qui l’emissione dell’ingiunzione di desistenza che, non opposta da Esselunga nel termine dei 10 giorni previsti dalla norma, è divenuta definitiva e quindi esecutiva.

Commenti (12)
  • Max

    che strano si e' aperta una falla in uno dei supermercati piu' famosi e perfetti d'Italia....e comunque sul buono che veniva rilasciato alla cassa era specificato che al q8 era necessario un rifornimento minimo di 40,00...poi sara' una mia impressione ma penso che non c'era affatto bisogno di fare pure i manifesti..a giudicare dalle code la promozione ha funzionato bene...mi rimane sempre un solo dubbio..chi ci guadagna in tutto questo?il Gestore non credo perche' anticipa una paccata di soldi...il consumatore neanche perche' deve comunque spendere ben 90 euro tra super e benzinaio per avere uno sconto di 8,00...il supermercato?...era scontato...
    comunque a proposito di messaggi pubblicitari poco chiari..credo che lo Iap dovrebbe intervenire anche contro i famosi bandieroni e cartelloni che ormai si vedono su tutti i piazzali dei distributori...se non sono ingannevoli quelli....oltre che poco chiari...

  • Andrea

    Il Gestore ci guadagna eccome perche avrà un erogato parecchio superiore al suo standard anche se deve anticipare soldi magari nemmeno cosi tanti perche potrebbe essere l'esselunga a partecipare visto che patrocina la promozione, il consumatore ci guadagna eccome perche risparmia il 20% sul carburante facendo una cosa che avrebbe fatto lo stesso anche senza promozione ovvero la spesa per la sua famiglia, il supermercato ci guadagna eccome perche attira persone che mai avrebbero messo piede in quel supermercato e fa aumentare il livello di spesa dei clineti abituali, con uno sconto, per il supermercato di circa il 9% sul totale ((50spesa+40benzina)/100)*9 ovvero uno sconto sostenibilissimo e di poco impatto per il supermercato.

    Ricapitolando ci guadagnano tutti gli attori coinvolti nell'operazione e ci rimettono tutti i Gestori nelle vicinanze di quell'impianto Q8 aggragato alla promozione del supermercato.

    Mors Tua Vita Mea dicevano i latini.

  • Samuele - Q8  - SOLO ENI

    Colleghi, soltanto Eni può fare pubblicità ingannevole (vedi le bandiere degli impianti), a Q8 ed Esselunga non è permesso. Intanto hanno dimostrato ai Gestori che non è necessario avere un prezzo basso sottocosto per vendere. Ricordiamo che per dichiarazione Eni lo scontone estivo è costato circa 300milioni di euro, e ha fatto capire a tutti che il Gestore Eni è inutile... bella zappata sui piedi!!!
    Ciao :eek

  • Q8

    Hai ragione ma la q8 restituirà il favore all Eni cn gli interessi ..poveri Gestori Eni nn sanno cosa li attende :)

  • max & ip

    :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin :grin

    come ieri politici & petrolieri + soci vari vanno a kagare anke oggi !!

  • Andrea

    L'ennesima dimostrazione che il consumatore preferisce risparmiare a tutto il resto nonostante cio che possono dire i sondaggi.

    Tra l'altro il risparmio è notevole, 8 euro su 40 sono il 20% in meno, i 50 euro di spesa non contano perche rientrano in soldi che il consumatore avrebbe speso comunque per il fabbisogno familiare.

    Se la GDO estende in maniera capillare certe promozioni altro che impianti ghost o pompe bianche, non resterà niente per nessuno.

  • Antonio  - Bella promozione

    Credo che Q8 ed Esselunga l'abbiano azzeccata.
    Queste promozioni possono essere fatte solo per gli impianti con il Gestore.
    Questo è un bene.
    Meglio questa che lo scontone di Eni.
    E in termini di cent/ litro vale mooooolto di più.

  • Nicola

    Su questo concordo, anche se resta sempre in ballo il rinnovo degli accordi tra associazioni di categoria e petrolifere, ma per la miseria possibile che questi sottoscrivono nel Verbale di Incontro dello scorso 27 luglio, come l'obiettivo prioritario di salvaguardare l'intangibilità del margine del Gestore e per eliminare discriminazioni tra operatori dello stesso marchio e poi vanno dal singolo Gestore a fare pressione per la sottoscrizione di accordi di scontistica e di conguaglio sconti notturni e prepay (che per controllare quanto hai guadagnato devi assumere un ragioniere) che spacciano per sindacali e invece ti ciulano il margine !!!???? BAHHH !!

  • maurizio dagostini

    è sicuramente una buona iniziativa nei confronti del consumatore , ma comunque una pubblicità poco chiara perche il cliente solo dopo la consegna dei buoni viene a sapere che deve fare almeno € 40 di carburante. da precisare che ci son vari veicoli che non hanno la capienza di €40, quindi se uno magari aggiunge qualche cosa per raggiungere il buono rischia di non poterlo neanche utilizzare, o magari il Gestore essendo un cliente fisso lo accetta ugualmente . e da non dimenticare che a noi Gestori se trovano anche una virgola messa male nel pubblicizzare i vari prezzi scattano subito i verbali

  • Gestore ip

    non credo sia cosi' perche' su tantissimi piazzali soprattutto erg
    mettono fuori un cartello grosso come una casa con lo sconto
    tipo-8 cent. senza doppi cartelli dei prezzi e spesso quello sconto
    publicizzato non lo fanno nemmeno la quota di partecipazione allo
    sconto se la tengono in tasca.
    cosi' non e' onesto ne' per i clienti ne' per i colleghi che non hanno
    possibilita' di aderire a vari sconti e faticano il doppio per non
    chiudere bottega.

    qui la finanza dovrebbe intervenire invece se ne accorge ma non
    fa' niente.

  • Mirco

    queste sono bricciole ,i problemi da affrontare sono altri......

  • Nicola  - ????

    a qualcuno non è chiara la storia:
    questi sconti sono soltanto saltuari, fatti solo per far entrare clienti nuovi e tenersi stretti quelli fissi
    Ma secondo voi con 8 € di regalo il supermercato ci guadagna se praticasse sempre questa campagna?
    I risparmi dipendono anche da noi....fare un pò di dieta e schiacciare meno l'accelleratore fa miracoli!
    Il paese dei balocchi esiste solo per le associazioni dei consumatori (che purtroppo ormai cercano solo tessere) e per Pinocchio........................

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie