Maxi-multa a Mastercard dalla Ue. Aumento artificiale dei costi a clienti e commercianti

Stampa

La Commissione europea ha annunciato di avere comminato una multa milionaria a Mastercard. La società Usa di carte di credito è accusata di 'aver aumentato artificialmente i costi di pagamento per carta, a danno dei commercianti e dei clienti'.

L’esecutivo comunitario ritiene che la società abbia approfittato della sua posizione dominante sul mercato europeo. La decisione può essere oggetto di appello dalla stessa Mastercard.

La multa, che ha un valore di 570 milioni di euro, giunge dopo che nel 2015 la Commissione europea aveva inviato all’azienda una lettera di messa in mora. Bruxelles ha messo in luce il fatto che Mastercard ha impedito per lungo tempo ai negozianti di ottenere commissioni più basse da banche operanti fuori dal paese in cui avevano sede. Mastercard aveva deciso il mese scorso di mettere da parte 650 milioni di dollari per pagare una eventuale multa.

La società ha ottenuto uno sconto del 10% perché ha collaborato con le autorità comunitarie. La Commissione europea ricorda che dal
dicembre 2015 è in vigore il regolamento Ue sulle commissioni interbancarie limita le tariffe all'interno dello Spazio economico europeo a un massimo dello 0,2% del valore della transazione per le carte di debito e 0,3% per le carte di credito.


Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie