Colpo da trenta mila litri dei vampiri del gasolio: svuotato distributore Tamoil

Sottratti alla Tamoil trentamila mila litri di carburante. Il valore del bottino sfiora i cinquantamila euro

I vampiri del gasolio sono tornati a colpire, ma questa volta lo hanno fatto in grande stile svuotando un’intera stazione di servizio. Trentamila litri di carburante aspirati da un’autocisterna per un valore che sfiora i cinquantamila euro.

Il colpo è stato messo a segno al distributore Tamoil, sulla strada provinciale che collega Quistello a San Giacomo della Segnate nel Mantovano. In azione un gruppo di malviventi esperti, entrato in azione al momento giusto. Il distributore preso di mira è un self service. Non ha personale dipendente sul posto. C’è anche un bar, che al momento del colpo, avvenuto domenica 1 settembre pomeriggio, era però chiuso. I ladri hanno agito a colpo sicuro, in pieno giorno.

Chi s’è trovato a passare in quel momento non ha avuto alcun modo di insospettirsi dal momento che i vampiri si sono serviti di una normale autocisterna.

Ecco una prima ricostruzione dei fatti. La gang arriva sul posto nel primo pomeriggio di domenica. Individua immediatamente dove sono posizionati serbatoi del gasolio. Sono tre. Ad uno ad uno vengono sollevate le piastre a protezione, ma per aprire i bocchettoni sottostanti servono chiavi speciali lunghe un metro. Anche di quelle i ladri sono in possesso.

Senza fretta collegano ogni singolo bocchettone al tubo aspirante. In breve tempo vengono aspirati oltre trentamila litri di gasolio che finisce nell’autocisterna. Nessuno può sospettare che si tratti di un furto. E dopo un paio di ore il lavoro è finito e i ladri se ne possono andare in tutta tranquillità.

L’allarme scatta 48 ore dopo, ma poteva essere dato con notevole anticipo. L’anomalia, infatti, era già stata registrata dalla Fortech di Rimini, la società che gestisce online la stazione di servizio per conto della Tamoil. Sui computer erano apparsi in modo chiaro notevoli picchi di consumo nel giro di pochissimo tempo: questo avrebbe dovuto indurre la società a lanciare l’allerta. Che non c’ è stata.

L’allarme è scattato invece quando il lunedì mattina un automobilista si è visto bloccare l’erogazione del gasolio perché il livello del combustibile aveva raggiunto il minimo consentito. Il responsabile è intervenuto e ha chiesto l’intervento dei carabinieri. Si tratta probabilmente del più grosso quantitativo di gasolio mai sottratto nella nostra provincia, I carabinieri di Quistello stanno indagando, aiutati anche dalle telecamere di servizio che hanno registrato l’intero colpo.

Dalla Gazzetta di Mantova

  • 11
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

3
Lascia un commento

avatar
  Sottoscrivi  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Mario
Ospite
Mario

Impianto ghost. Benissimo.

Giovanni
Ospite
Giovanni

Speriamo li svuotino tutti, quelli senza gestore, un applauso.

loris
Ospite
loris

“Trentamila litri”, “vampiri”, “fortech”……MAH!!!!
è già il terzo impianto che svuotano in zona con la stessa modalità. Tutti in ghost e tutti con quantità cospicue….