In avvio dal 1° settembre la trasmissione telematica dei corrispettivi

Dal 1° settembre 2020 i gestori con impianti che, nel 2018, hanno erogato più di 1,5 milioni di litri di benzina e gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motori hanno l’obbligo di memorizzazione e trasmissione dei dati dei corrispettivi. Invece, per coloro che si trovano al di sotto del limite di 1,5 milioni di litri, salvo proroghe, l’adempimento diverrà obbligatorio dal 1° gennaio 2021. È questo l’effetto del provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 22 aprile 2020 che ha rivisto il calendario originario dell’adempimento.

Chi opera nel settore della distribuzione di carburanti, dal 1° settembre 2020 si troverà a dover fare i conti con un nuovo adempimento, in presenza di alcuni requisiti dimensionali.
Si tratta della trasmissione (previa memorizzazione) telematica dei corrispettivi derivanti dalla cessione di carburanti.
L’obbligo, peraltro, già in vigore da tempo per alcuni gestori, questa volta interessa le imprese che, nel 2018, hanno erogato più di 1,5 milioni di litri di benzina e gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motori.
A dire il vero, l’avvio dell’adempimento era stato, originariamente, fissato al 1° luglio 2020, ma, anche a causa dell’emergenza determinatasi con l’epidemia da Covid-19, l’Agenzia delle Entrate, con provvedimento del 22 aprile 2020, l’ha posticipato al 1° settembre.

La norma di partenza è l’art. 2, comma 1-bis, D.Lgs. n. 127/2015 che ha disposto, con decorrenza 1° luglio 2018, l’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi con riferimento alle cessioni di benzina o di gasolio destinati ad essere utilizzati come carburanti per motori.
Tale nuovo adempimento è stato reso operativo con un provvedimento dell’Agenzia delle entrate del 28 maggio 2018 che, però, è stato oggetto di successive modifiche in merito ai soggetti interessati e alla relativa tempistica.
In particolare, la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica sono obbligatorie a partire dal:
– 1° luglio 2018 per le operazioni di cessione di benzina e gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motore effettuate dai soggetti passivi IVA che gestiscono impianti di distribuzione stradale di benzina e gasolio ad elevata automazione, in cui il rifornimento avviene unicamente in modalità self service prepagato muniti di sistemi automatizzati di telerilevazione dei dati di impianto, di terminali per il pagamento tramite accettatore di banconote e moneta elettronica (bancomat, carte di credito, prepagate, etc.) e di sistemi informatici per la gestione in remoto dei dati di carico e di scarico delle quantità di carburante;
– 1° settembre 2020 con riferimento agli impianti che, nel 2018, hanno erogato complessivamente benzina e gasolio, destinati a essere utilizzati come carburanti per motore, per una quantità superiore a 1,5 milioni di litri;
– 1° gennaio 2021 con riferimento agli impianti che, nel 2018, hanno erogato complessivamente benzina e gasolio, destinati a essere utilizzati come carburanti per motore, per una quantità uguale o inferiore a 1,5 milioni di litri.

Cessioni di carburanti e trasmissione telematica dei corrispettivi: decorrenza
1° luglio 2018
per impianti di distribuzione stradale di benzina e gasolio ad elevata automazione, in cui il rifornimento avviene unicamente in modalità self service prepagato muniti di sistemi automatizzati di telerilevazione dei dati di impianto, di terminali per il pagamento tramite accettatore di banconote e moneta elettronica e di sistemi informatici per la gestione in remoto dei dati di carico e di scarico delle quantità di carburante
1° settembre 2020
impianti che, nel 2018, hanno erogato complessivamente benzina e gasolio, destinati a essere utilizzati come carburanti per motore, per una quantità superiore a 1,5 milioni di litri
– 1° gennaio 2021
impianti che, nel 2018, hanno erogato complessivamente benzina e gasolio, destinati a essere utilizzati come carburanti per motore, per una quantità uguale o inferiore a 1,5 milioni di litri

Le informazioni da memorizzare elettronicamente e trasmettere telematicamente riguardano i corrispettivi giornalieri derivanti da cessioni di benzina e gasolio destinati a essere utilizzati come carburanti per motori.
Al fine di ridurre i costi di adeguamento dei sistemi degli operatori, la trasmissione telematica è effettuata all’Agenzia delle Dogane e dei monopoli.
In questo modo, le informazioni trasmesse vengono utilizzate anche per la tenuta del registro di carico e scarico (art. 25, comma 5, D.Lgs. n. 504/1995).

Per la trasmissione occorre abilitarsi ai servizi digitali le cui specifiche tecniche sono pubblicate nell’apposita sezione del Portale dell’Agenzia delle Dogane e dei monopoli e dell’Agenzia delle Entrate.
Nel dettaglio, il soggetto interessato (o un delegato) deve accedere al Portale Unico Dogane (PUD) per richiedere le necessarie autorizzazioni tramite MAU (Modello Autorizzativo Unico).

La trasmissione delle informazioni è effettuata con cadenza mensile entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di riferimento.
Per i soggetti che effettuano la liquidazione periodica IVA con cadenza trimestrale, la trasmissione può essere effettuata entro l’ultimo giorno del mese successivo al trimestre di riferimento.

  • 288
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Marco
Marco
24 giorni fa

si trova una guida on line per autenticarsi alle dogane?

mario
mario
24 giorni fa

per il gpl la trasmissione è obbèigatoria?