A Fuori Tg (Rai Tre) il caro benzina. Ospiti Gilberto Pichetto e Giuseppe Sperduto

Il Viceministro dello Sviluppo Economico, Gilberto Pichetto, non esclude un intervento del governo che sterilizzi l’iva sui carburanti.

Prezzi dei carburanti alle stelle: in un anno la benzina è aumentata del 21,9%, il gasolio del 23,9%, oltre la metà in tasse. Rialzi che secondo le associazioni dei consumatori causeranno un aggravio di spesa media di 400 euro annui a famiglia.

Da più fronti si sollecita il governo a sterilizzare almeno l’IVA. Un impegno che ha confermato anche il Viceministro dello Sviluppo Economico, Gilberto Pichetto, il quale non ha escluso l’intervento viste le maggiori entrate iva incassate. “E certamente un intervento necessario, ha aggiunto, altrimenti si blocca il paese”.

A decidere, specifica il rappresentante del Mise, saranno comunque il Consiglio dei Ministri e il Parlamento. L’ipotesi è quella di agire tramite uno scostamento di bilancio, finora evitato per gli effetti che avrebbe “sulla credibilità del Paese” oltre che sui tassi di interesse del debito pubblico (ma pure su mutui e finanziamenti per aziende e cittadini).

Alla trasmissione è intervenuto anche il presidente di FAIB-Confesercenti,Giuseppe Sperduto, il quale ha rimarcato la difficoltà della categoia dei Gestori impotente e incolpevole di fronte agli aumenti dei carburanti. Sperduto ha inoltre rappresentato il forte senso di responsabilità della categoria dei Gestori e chiesto al viceministro di farsi portavoce oltre che per congelare l’iva di riaprire un tavolo di confronto con il ministero.

Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
lucai eg
lucai eg
2 mesi fa

basterebbe non applicare l’iva sulle accise.
tassano una tassa

Alex
Alex
Rispondi a  lucai eg
2 mesi fa

Quando il gestore va a fatturare al cliente finale come fa a calcolare la parte ivata e la parte esente ???
Sarebbe più logico tornare al prezzo amministrato.
Non è corretto che c’é chi paga un prezzo e chi paga un altro nella stessa compagnia.
Tutti i proprietari di carte aziendali dovrebbero denunciare la truffa perché non é corretto che uno parte con il tir da Milano e lo paga un prezzo, a 10 Km costa un altro.
E’ come se un commerciante mette i saldi però il prezzo lo decide quando entra il cliente in funzione di come gli fa comodo.
Quando esce il volantino del Lidel la scottona costa uguale in tutti i supermercati non è che fanno un volantino x ogni paese o frazione.