Associazioni sindacali ed EG Italia rinnovano l’accordo di colore

L’intesa riguarda il periodo che va dal 1° febbraio 2023 e scadrà il 31 dicembre 2024, e si applicherà ai gestori della rete ordinaria.

Secondo Faib, l’accordo riconosce ai gestori degli impianti Esso di proprietà di EG margini base migliorati e in linea con i valori di mercato attuali, con importanti innovazioni riguardanti le fluttuazioni dei prezzi e le performance del servizio. EG Italia ha confermato l’importanza del mercato italiano per la sua strategia aziendale e ha garantito il sostegno all’immagine della rete, alla manutenzione degli impianti e all’ottimizzazione della logistica.

L’accordo prevede anche l’avvio della bilateralità, che si occuperà di condividere i meccanismi dell’accordo e le dinamiche di settore. Secondo il presidente Faib, Giuseppe Sperduto, l’intesa è stata raggiunta con soddisfazione moderata.

Fegica ha descritto l’accordo come una “lunga trattativa” e ha sottolineato che il testo contiene significative novità sul piano economico e normativo, insieme a chiarimenti e un riassetto complessivo della precedente intesa. Il testo dell’accordo sarà illustrato durante le convention che si terranno in tutto il paese nel mese di maggio, in presenza delle organizzazioni di categoria.

L’accordo rappresenta un importante risultato per i gestori degli impianti Esso di proprietà di EG Italia, che potranno beneficiare di margini base migliorati e di un sostegno più forte da parte dell’azienda madre. La bilateralità, inoltre, consentirà ai gestori di avere una maggiore voce in capitolo nelle decisioni che riguardano l’accordo di colore e il settore in generale.

Sottoscrivi
Notificami
guest
4 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
giovanni
giovanni
11 mesi fa

un accordo tutto sbilanciato a favore della eg, una grave mancanza delle sigle sindacali, che con questo modo di operare , hanno accellerato la disaffezione delle gestioni alle componenti sindacali. trovo profondamente deludente e mal negoziato. Con questo abbandono le sigle sindacali, e cercherò di difendermi da solo. Una sola parola…. un atteggiamento censurabile delle sigle sindacali. State rimanendo senza la base….

roberto timpani
roberto timpani
Rispondi a  giovanni
11 mesi fa

Caro Giovanni, devo dire che negli incontri promossi tra Azienda e gestori, ai quali abbiamo partecipato, i gestori stessi , numerosi, hanno valutato molto positivo l’Accordo, sia per gli incrementi economici, sia per per la definizione della annosa questione dello smaltimento delle giacenze quando il prezzo diminuisce. Soprattutto questo elemento mancava nel precedente Accordo e, come sai, è stato frutto di contestazioni , di lettere di fuoco che abbiamo inviato ad Eg, di un lungo contenzioso insomma. Ne ho parlato anche con te, mi pare , se ho capito chi sei, e sono sempre disponibile a ragionarci sopra. Ma senza avere l’obiettivo di farti riapprezzare il lavoro fatto dal Sindacato.
Con questo ti saluto, chiamandoti col tuo vero nome. Ciao, Gianluca !!

Violi Pasquale
Violi Pasquale
Rispondi a  roberto timpani
11 mesi fa

Mi dispiace sentire dire soddisfazione moderata per l’accordo,in quanto a mio parere hanno fatto il gioco delle tre carte ,nell’accordo precedente ci hanno aumentato da una parte mentre dall’altra ci hanno tolto 11000 euro di fisso, ora a conti fatti è la stessa cosa ci tolgono dal self per darci dal servito, su un milione di litri prendiamo di aumento poco piu’ di 2000 euro, neache l’inflazione dell’ultimo anno.

giovanni
giovanni
Rispondi a  roberto timpani
11 mesi fa

Mai avuto il piacere di parlare con lei, probabilmente mi sta confondendo con qualche altro collega, mi consola il fatto che qualcun altro , il Sig. Gianluca, abbia manifestato perplessità , evidentemente non siamo così pochi, a dissentire … cosa che a quanto pare da fastidio! In attesa di conoscerla personalmente, la saluto. Giovanni.