Credito d’imposta, Faib Fegica e Figisc chiedono incontro urgente al Governo

Con un telegramma urgente inviato ai competenti rappresentanti del Governo (dott. Giovanni tria, Ministro MEF, on.le Luigi Di Maio, Ministro MISE, on.le Massimo Garavaglia, Sottosegretario MEF, on.le Dario Galli, vice Ministro MISE) le Federazioni hanno espresso forti preoccupazioni in ordine alla fruizione del credito d’imposta varato per sostenere il recupero dei costi delle transazioni elettroniche, anche in riferimento agli ulteriori oneri subentrati con la fatturazione elettronica.

Nella nota i Presidenti delle Federazioni rappresentano al Governo lo stato di fibrillazione in essere sulla rete e chiedono un urgente incontro per scongiurare un inevitabile sciopero nazionale.

Di seguito l’estratto integrale del telegramma

Scriventi federazioni gestori distribuzione carburanti esprimono profondo disagio et preoccupazione per contenuto recente risoluzione agenzia entrate che decurta ingiustamente et contro disposto normativo credito imposta favore categoria introdotto at parziale rimborso oneri transazioni carte pagamento elettroniche causati peso fiscale gravante sui carburanti. cio’ aggiungesi ulteriori criticita’ denunciate et non risolte oltreché’ drammatica onerosità’ et difficoltà’ operativa dovuta fatturazione elettronica.

Fibrillazione categoria costringe scriventi at immediata proclamazione stato agitazione et richiesta urgentissimo incontro volto a scongiurare altrimenti inevitabile sciopero nazionale. attesa riscontro, cordiali saluti.

f.to: presidenti Landi / Di Vincenzo / Bearzi

Lascia un commento

avatar
  Sottoscrivi  
Notificami