Controllo pneumatici, quando farlo ricordandosi che non è un servizio gratuito

Oggi prendiamo spunto da un articolo pubblicato sul sito motori.quotidiano.net che illustra come e quando occorre controllare la pressione dei pneumatici. L’articolo diventa interessante quando la redattrice, oltre a spiegare quando avviene l’esigenza di farlo e come farlo,  scrive che recandosi dal benzinaio più vicino, non è richiesto alcun pagamento per farlo.

Intanto è doveroso ricordare che esistono diverse tipologie di stazioni di servizio, la facilità di trovare una migliore “predisposizione” per il controllo dei pneumatici avviene su quegli impianti dove è presente almeno un gestore/benzinaio, meglio ancora con una officina attrezzata, e addirittura meglio se in presenza di un impianto che fornisce anche servizio di gommista.

Ovviamente il servizio non è presente sugli impianti totalmente selfizzati.

Il Gestore della stazione di rifornimento “non è obbligato” a fornire tale servizio, tanto meno in forma gratuita, in quanto essendo un servizio che sposta tempo e risorse ( la corrente del compressore ad esempio ha un costo, il tempo impiegato anche ) andrebbe giustamente retribuito. Può essere discrezionalmente offerto dopo il rifornimento ma non è una regola e solitamente il guadagno per il rifornimento non copre i costi del tempo perso e del servizio offerto. 

Alcuni Gestori  mettono a disposizione l’attrezzatura necessaria per permettere al cliente di controllarsi la pressione delle gomme, ma anche in questo caso è buona norma effettuare almeno il rifornimento presso la stessa stazione di servizio che ripetiamo non è obbligata a fornire in forma gratuita anche la sola attrezzatura.

Per concludere, occorre ricordare che la stazione di servizio dove sono presenti i Gestori/benzinai non sono porti di mare dove tutto è lecito e dove ogni servizio è gratuito. Il prezzo del carburante è formato da oltre il 70 % di tasse e dal 20 % circa del costo della materia prima, al gestore rimangono pochi centesimi i quali nella maggioranza dei casi non coprono nemmeno i costi di gestione. Pensare e informare adducendo che ogni servizio presso una stazione di servizio è gratuito non solo è forviante ma anche degradante per chi effettua un lavoro, qualsiasi esso sia (anche fare il benzinaio).

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
5 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Pecora nera
Pecora nera
1 anno fa

Io ho smesso di farlo a prescindere dal pagamento. Con il controllo dei pneumatici, ci assumiamo una responsabilità che non ci compete. Indovinate a chi sarebbero capaci di addossare la colpa per lo scoppio di un pneumatico e conseguenti danni?
SE FANNO BENZINA, gli dò il manometro e che si arrangino. Se non fanno benzina possono andare a rompere i c…. da un’altra parte.

Gestore
Gestore
1 anno fa

La colpa è solo la nostra perchè molti dei nostri colleghi sono abituati a offrire gratis fino a quando poi non devono chiudere. Mi sono rotto di sentire la famosa frase “ma il suo collega me lo fa gratis”. Che palle

Alex
Alex
1 anno fa

Purtroppo a rendere umiliante il nostro lavoro ci sono pure articoli scritti senza criterio. Oramai sono anni che prima degli esodi persone estranee alle competenze regalano consigli alle radio dove raccomandano sciocchezze simili. Nella mia esperienza vorrei ricordare che le gomme vanno sostituite dopo un determinato periodo perché induriscono e perdono le loro qualità, vanno sostituite quando diminuisce il battistrada, vanno sostituite dopo aver preso troppe buche o marciapiedi e si sono rovinate le tele laterali insomma non si risolve tutto con un controllo gratis, a volte bisogna spendere anche del denaro. Purtroppo oggi non esiste educazione e rispetto, quindi il cliente sceglie dove il prezzo è più basso x fare rifornimento (gost, pompe bianche, cisterne agricole ecc.) poi viene dove c’è il gestore per i servizi. Le compagnie lo hanno capito, allora creano l’impianto gost per vendere i litri e l’impianto con il gestore per offrire i servizi gratuiti.
Dobbiamo immaginare che quando vai al supermercato, la busta si paga,
quando vai al Brico fai da te e acquisti la pittura non è che il cassiere ti viene a pulire i pavimenti,
quando un cliente si reca ad un lavaggio automatico, non è che siccome ha messo il gettone per l’aspirapolvere esce l’omino che gli passa il lucido alle gomme, per quello ci vuole un altro gettone.
Quando vai alle poste, per pagare la bolletta ti chiedono una commissione, mica è gratuito, dopotutto una bolletta è la parcella di un servizio e le poste ti aggiungono un altro servizio.
Con tutte le campagne contro che abbiamo ricevuto negli ultimi 15 anni, da noi vengono per gonfiare le gomme sempre più spesso con queste nuove tecnologie che rilevano le pressioni, per un po di acqua hai vetri, per i bagni, se hai un po di olio vecchio per lubrificare le serrande, un colpetto di spazzola hai vetri, mi hanno regalato le spazzole ma non so montarle, mio figlio mi ha comperato l’olio, me lo puoi controllare ?? Dove posso gonfiare il pallone, dove posso gonfiare il salvagente, il gommone, il materassino. Se non ti prostituisci chiamano il nr. verde, i carabinieri, la GdF, la compagnia, la suocera ecc, ecc.

Gino
Gino
Rispondi a  Alex
1 anno fa

Bellissimo commento condivido ogni parola scritta.

claudio
claudio
1 anno fa

io credo, e spero, che basta mettere un cartello con la scritta ” controllo pneumatici EURO 4 ” tutto si sistema BASTA ESSERE SCHIAVI