Coronavirus, Faib Fegica e Figisc alle compagnie e ai principali operatori indipendenti: necessario rinnovare gli Accordi anti Covid

Le Federazioni dei gestori carburanti Faib, Fegica e Figisc hanno chiesto a tutte le compagnie e ai principali operatori della distribuzione carburanti di rinnovare gli Accordi collettivi aziendale allo scopo di condividere congiuntamente una serie di interventi straordinari ritenuti necessari alla luce degli effetti causati dalla nuova emergenza sanitaria “Covid-19” e dei conseguenti interventi normativi assunti dal Governo.

Le previsioni e le misure straordinarie proposte negli Accordi ricalcano quelli già presi in considerazione nella prima fase dell’emergenza- marzo maggio 2020.

In considerazione delle specificità degli impianti di distribuzione carburanti sia legati ai marchi sia a quelli indipendenti e dei regimi diversi di operatività le previsioni degli Accordi siglati ai sensi dell’art 19, della L. 57/2001 troveranno applicazione in base all’accoglimento della proposta che Faib Fegica e Figisc hanno avanzato a tutta la filiera.

A tutti gli operatori che avevano sottoscritto gli accordi straordinari Covid-19 nel periodo marzo/aprile scorso, è stato inviato una nuova bozza di accordo che a seconda delle singole specificità intervengono in materia di Drop, di pagamenti, rid, riconoscimento incentivi carburanti, di attivazione del self prepay, di dotazione dei DPI, di pagamento dei canoni di locazione dei locali commerciali e affitto di ramo di azienda.

Si tratta di una riformulazione di proposta di Accordo avanzato a ciascun operatore del settore in ragione della nuova drammatica emergenza; è certamente una nuova risposta auspicata dalle Federazioni dei gestori sia sotto l’aspetto politico ed economico che sotto l’aspetto della tutela della salute, rivolto a quella vasta platea di operatori integrati e non per stare vicini ai gestori ancora una volta chiamati in prima linea fornire un servizio essenziale in condizioni difficili se non impossibili.

Auspichiamo che i primi a riconoscere queste richieste associative siano intanto le grandi compagnie e a seguire gli altri principali operatori del settore.

  • 119
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
26 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
mario
mario
21 giorni fa

quelli sono pannicelli caldi bisogna rinnovare gli accordi economici,margini e affitti commerciali,tutto il resto è perditempo

mario
mario
Rispondi a  mario
21 giorni fa

oltre a quanto ho esposto sopra,ritengo che possa essere
neccessario se la situazione,si fossilizza,modificare le norme cipreg,in modo che chi avesse bisogno possa chiedere di smobilizzare una parte del fondo

Ferruccio Schiavello
Ferruccio Schiavello
21 giorni fa

🤣🤣 Farlocchi erano Farlocchi restano e saranno. Ai benzinai non hanno portato nulla e non porteranno nulla. Come si suol dire “acqua alla guallera”. Perseverare è diabolico…

mario
mario
Rispondi a  Ferruccio Schiavello
21 giorni fa

gradirei sapera se nelle zone rosse i colleghi benzinai hanno diritto al nuovo fondo perduto

Roberto Timpani
Roberto Timpani
Rispondi a  Ferruccio Schiavello
21 giorni fa

A Natale ti regalo un libro di sinonimi caro Ferruccio. Ormai il termine farlocco è un po” abusato..

mario
mario
Rispondi a  Roberto Timpani
21 giorni fa

a Timpani invece delle cazzate rispondimi sul fondo perduto

Stefano
Stefano
Rispondi a  Roberto Timpani
21 giorni fa

Sig Timpani la seguo e conosco la sua professionalita’ avendo presenziato nel 2008 ad una sua arringa in sede rinnovo accordo Total a Milano sa per caso visto l importante calo di fatturato nelle zone rosse vicino al 50 percento se il governo ha previsto un ristoro come alle altre categorie? Grazie di cuore

rocco
rocco
Rispondi a  Ferruccio Schiavello
19 giorni fa

Presidente Schiavello, spieghi meglio cosa vuol dire” acqua alla guallera” non tanto per i colleghi, che ormai ne possono fare a meno, credo che ormai hanno i calli in quel posto li, quanto per i sindacalisti della triade, che ancora pensano di poter prendere per i fondelli quel che resta della categoria, con trovate come dici tu farlocche e fumose, ma con poco arrosto…..loro piu che acqua o olio alla guallera avrebbero bisogno di qualche martellata………

roberto timpani
roberto timpani
Rispondi a  rocco
19 giorni fa

Caro Rocco, non c’è bisogno di martellate. Segui con dedizione il tuo presidente e non la “triade” come ancora pochi come te ci definiscono. Pero’ alcune domande i gestori come te dovrebbero farsele. Prima : ma come mai in una dichiarazione del 15 giugno scorso avete dichiarato che il Governo non ci avrebbe riconosciuto nulla sul fondo perduto perchè avevate letto male le circolari e le leggi e vi siete scagliati contro ? Eppure la “triade” era riuscita a far uscire dei chiarimenti dalla Agenzia delle Entrate che hanno consentito a questa categoria di avere un po’ di ristoro – e lo dico senza enfasi – che per voi era poca cosa . Ma nella fretta che avete spesso, pure di “apparire” in qualche modo, avete ululato alla luna come un povero lupo spelacchiato. Seconda domanda : e il comunicato dell’11 giugno in cui avete proclamato lo stato di agitazione dei gestori EG come è andato a finire ? Chiedo per i numerosi amici ovvio….

Rocco
Rocco
Rispondi a  roberto timpani
19 giorni fa

Certo su questo ti devo dare atto che siete meritevoli di una medaglia al valore….per aver ottenuto ciò che lo stato ha concesso a quasi tutte le categorie dei commercianti danneggiati dal fermo covid. Poi se lo sommiamo alle grandi concessioni che avete strappato alle compagnie in marzo-aprile….tipo le 20 euro da una o le 10 da un’altra per concorso nelle spese per i dispositivi anticovid oppure il centesimo in piu per un mese sempre per le spese dispositivi sull’impianto….allora di medaglia ve ne meritate un’altra….per cui e chiaro che rinnovare quelle richieste e basilare. Delle altre problematiche al momento non c’è motivo di discussione per la “triade”.

roberto timpani
roberto timpani
Rispondi a  Rocco
18 giorni fa

Sarà ma i gestori hanno ottenuto molto di piu’ del normale commerciante . Ma eviti di rispondermi sulle clamorose gesta del vostro gruppo. Ma credo che ormai la gente ed i gestori si siano accorti da dove vien il fumo e la puzza di bruciato

Rocco
Rocco
Rispondi a  roberto timpani
18 giorni fa

Si in effetti quello che hai ottenuto ha dell’incredibile…..sulle gesta dei gruppi che non fanno capo allla triade…ti posso dire che stanno portando in tribunale le compagnie per le singole controversie….e mi pare che qualcuna la stanno vincendo. Tu intanto che non sei fumoso per niente ti appresti a richiedere le elemosine alle compagnie….queste sono le grandi conquiste della triade.

Stefano
Stefano
21 giorni fa

zona rossa io e altri colleghi calo del 50 per cento .Sig Timpani avete fatto richiesta per il ristoro?grazie per l eventuale risposta.

mario
mario
Rispondi a  Stefano
21 giorni fa

mi sembra che il Timpani sia in difficoltà,visto l’importanza della richiesta

Roberto Timpani
Roberto Timpani
Rispondi a  mario
21 giorni fa

Rispondo al caro Mario che con estrema eleganza mi ha preso per un juke box. Ma anche al caro Stefano che ringrazio per i complimenti che non merito. Dobbiamo aspettare il decreto ristoro bis ovviamente. Noi intendiamo avanzare la richiesta per cui zone rosse o gialle la distribuzione carburanti sarà in perenne perdita per la riduzione del movimento veicolare legato al lavoro agile come si dice o smart working. Contento Mario? E non hai manco messo la moneta nel juke box.

Stefano
Stefano
Rispondi a  Roberto Timpani
21 giorni fa

grazie Milè Sig Timpani ma io che l ho vista all opera posso garantire ai lettori che lei e’ sicuramente il più preparato ed il più battagliero ma sopratutto il più appassionato sindacalista in circolazione.Tante’ che lei è l’unico che mette il suo tempo a disposizione in questo forum diretto con i gestori.Dobbiamo esserle sempre grati anche solo per questo.Quando farà la richiesta di ricordi delle zone rosse e arancioni ora con perdite drammatiche Grazie

Anonimo
Anonimo
20 giorni fa

Ma se vi state accora leccando i baffi del primo “fondo perduto”….vi hanno ristorato sul FATTURATO!!!!! Sapete solo piangere!!!! Ridicoli!!!

Stefano
Stefano
Rispondi a  Anonimo
19 giorni fa

Bar pasticcerie pizzerie al taglio ristoranti stanno facendo l asporto ed hanno auto il ,doppio del ristoro di marzo sempre sul fatturato .Noi incasso del sabato e domenica zero in zona rossa.Quindi abbiamo diritto più di loro.

Stefano
Stefano
Rispondi a  Stefano
19 giorni fa

Se questo forum non piace a qualcuno vada pure a scrivere nei forum per ristoratori bar pizzerie lo stanno aspettando

Stefano
Stefano
Rispondi a  Anonimo
19 giorni fa

Sempre se non dispiaccia a qualcuno RICORDO che abbiamo margini fermi da 10 anni i ristoranti e bar ecc NO

mario
mario
Rispondi a  Anonimo
19 giorni fa

fare l’anonimo e facile e da vigliacchi

Stefano
Stefano
Rispondi a  Anonimo
19 giorni fa

Calo del 31 percento gasolio e 25 percento benzine nei primi 6 mesi 2020 e qualcuno scrive che sappiamo solo piangere ….ma mi faccia il piacere

gioeni
gioeni
Rispondi a  Anonimo
19 giorni fa

sei “Anonimo” come nome ma ignorante come “cervello”. evidentemente non hai mai fatto il benzinaio e non sai fare i conti… e allora cosa scrivi qua? ma vedi di andare a fan…

pippo
pippo
Rispondi a  Anonimo
19 giorni fa

Per un refuso dovuto al confronto sulla misura, nella nota inviata si parlava di “senza le accise” e “comprensivi delle accise”, che sono una componente determinante del prezzo dei prodotti petroliferi ma fuorviante ai fini del calcolo della misura.

Si ribadisce pertanto che per la determinazione del requisito dimensionale si fa riferimento ai ricavi dell’anno 2019 che vengono determinati secondo le modalità dell’articolo 18,comma 10 del DPR 600/73 e, quindi, al netto del prezzo corrisposto al fornitore; e ai fini del riconoscimento del contributo a fondo perduto, dovrà semplicemente verificare se il volume delle vendite registrate nel mese di aprile 2020 sono state inferiori ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019.

Vedi caro anonimo bisogna leggere prima di sparare cazzate
I gestori sono stati risarciti come gli altri Se qualcuno ha fatto il furbo cazzi suoi
Il vero problema è che ancora una volta .in questo particolare momento ,manca l unione sia tra sindacati che gestori ,siamo ancora sul “chi ce l ha più lungo ” l importante è fare contento qualcuno . le compagnie e i retisti

robin hood
robin hood
Rispondi a  Anonimo
18 giorni fa

Hai colto nel segno. Ci sono impianti che hanno ricevuto quasi 20k euro a fondo perduto.Rimane il fatto che questa è una categoria in estinzione per molteplici motivi, non ultimo la cannibalizzazione tra (pseudo)colleghi. Il sindacato sicuramente ha fatto ben poco ma l’autorevolezza al sindacato la danno i gestori.

Stefano
Stefano
Rispondi a  robin hood
18 giorni fa

Ma sapete leggere? In sei mesi calo di fatturato del 27 per cento su impianti come dici tu da 20000 euro vuol dire aver venduto 300000 litri in meno in 6 mesi dati unione petrolifera ! Robin Hood dei ricchi