Dal 2035 sarà vietato produrre automobili che non siano completamente emissions free

“L’economia dei combustibili fossili ha raggiunto i suoi limiti, servono nuovi modelli. Abbiamo mantenuto la promessa. L’Europa è il primo continente che presenta un’architettura globale per realizzare le nostre ambizioni climatiche con una tabella di marcia. Attribuire un prezzo al carbonio sarà” il punto centrale che “guiderà l’economia” e sarà legato ad un fondo sociale. Così la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, presentando il maxi piano FitFor55, che indica gli strumenti per la rivoluzione verde, ovvero ridurre del 55% le emissioni di Co2 entro il 2030, con l’obiettivo finale di azzerarle nel 2050. La rivoluzione verde “è il nostro compito generazionale, che ci deve unire e incoraggiare. Non si tratta solo di assicurare il benessere della nostra generazione, ma anche quella dei nostri figli e nipoti. Non c’è un compito più grande e più nobile di questo e l’Europa è pronta a guidare”.

Più tasse sui carburanti, meno su elettricità – Passare dalla tassazione dell’energia basata sui volumi a una basata sul contenuto energetico dei combustibili. E’ la proposta avanzata nel pacchetto clima della Commissione europea. In una simulazione effettuata da Bruxelles con il nuovo sistema, che dovrebbe essere applicato gradualmente dal 2023, la tassazione minima sulla benzina passerebbe da 0,359 a 0,385 centesimi al litro, quella sul gasolio da 0,330 a 0,419 centesimi al litro. Per contro, le imposte minime sull’elettricità caleranno da un euro a Megawatt/ora a 58 centesimi. Stop alla vendita di auto benzina e diesel dal 2035. E’ una delle proposte contenute nel pacchetto clima presentato oggi della Commissione europea.

L’obiettivo sarà raggiunto gradualmente e sarà accompagnato dalla creazione di un nuovo mercato della CO2 per il trasporto su gomma e per gli edifici. Gli introiti finiranno in un fondo sociale per clima, dal valore stimato di 70 miliardi in 7 anni, con cui l’Ue potrebbe cofinanziare al 50% regimi di incentivazione nazionale per l’acquisto di auto a zero emissioni e la riqualificazione energetica degli edifici. I settori dell’industria e dell’energia coperti dal mercato Ue del carbonio (Ets) dovranno aumentare lo sforzo di riduzione delle emissioni di CO2 entro il 2030 portandolo dal 43 al 61% rispetto al 2005. La proposta fa parte del pacchetto clima della Commissione europea. Oggi i settori Ets hanno già raggiunto una riduzione del 40%, spiegano esperti della Commissione, e senza interventi supererebbero il 50%.

Ma a seguito delle parole della presidente von der Leyen si sono sollevate voci di protesta da parte dei produttori europei di automobili. L’Acea (l’European Automobile Manufacturers’ Association), la principale associazione europea di produttori di autoveicoli ha definito «irrazionale» lo stop alla circolazione dei veicoli a benzina e diesel, contenuto nel pacchetto “Fit for 55” e inserito nel piano europeo contro il riscaldamento climatico. A detta di Acea, l’Unione europea starebbe commettendo un «errore pensando di eliminare le auto a benzina e diesel dalla circolazione entro il 2035». Dal canto loro i produttori confermano che stanno compiendo «tutti gli sforzi per rendere l’Europa a emissioni zero entro il 2050, come previsto dalla proposta di legge sul clima», ma tengono il punto: «vietare una singola tecnologia non è una via razionale da perseguire in questo momento».

  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
4 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
oleoblitz
oleoblitz
20 giorni fa

inizierà molto prima il cambiamento…da tre a cinque anni, ci saranno cali paurosi di venduto, mi chiedo non è ora di chiudere 8000/10000 impianti in Italia??? lo vado dicendo da anni……

Kazunori
Kazunori
Rispondi a  oleoblitz
20 giorni fa

ne chiuderanno 20000 Oleoblitz,rimarranno solo i migliori ; ))

Claudio
Claudio
Rispondi a  Kazunori
13 giorni fa

Forse avete letto che aumento di accise ci sarà a livello europeo nel 2023 , e quanti incentivi riceveranno le auto elettriche. Abbiamo tenuto il moccolo per niente. Chi trova un altro posto di lavoro, lasci immediatamente questo lavoro. Ascoltate la pubblicità della compagnia ENI. E capirai tutto.

Guido
Guido
19 giorni fa

Io continuo ad aspettare, i dieci centesimi che angac e compagnia cantante, ci hanno promesso, anzi attendo che gli stessi… Vadano dai nostri amici parlamentari, a farsi dare degli acconti…. Come promesso. Altrimenti mi viene da pensare che abbiano raccontato minchiate… Dal principio…. Io ci credo…. Grazie Angac.