Taglio accise, Governo pronto ad estenderlo al 30 giugno

Il governo si appresta a varare un altro pacchetto energia con un nuovo decreto nel consiglio dei ministri previsto per giovedì 28 aprile, estendendo la misura fino al 30 giugno.

Le accise su benzina e diesel sono state tagliate di 0,25 centesimi con il provvedimento dello scorso 22 marzo e che ha come data di scadenza il prossimo 2 maggio. Il taglio finora è “costato” allo Stato circa 590 milioni in un mese e un’ulteriore proroga bimestrale potrebbe costare oltre un miliardo.

La conferma dell’intenzione di prorogare l’aiuto era arrivata qualche giorno fa dal ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, intervenuto durante un question time alla Camera: «È un tema di primo piano a cui l’esecutivo sta prestando la massima attenzione insieme alle misure necessarie a calmierare i prezzi. Da parte del ministero dello Sviluppo economico la volontà è quella di assicurare la trasparenza dei prezzi al fine di evitare fenomeni speculativi», ha aggiunto Giorgetti.

Per i consumatori, l’intervento ha avuto degli effetti rilevanti per le famiglie italiane: secondo i dati della rilevazione settimanale del Ministero della Transizione ecologica, il prezzo della benzina è passato dai 2,184 euro del 14 marzo a 1,765 euro dell’11 aprile, registrando un calo del 19,2%.

“La dinamica dei prezzi dei carburanti resta un tema di primo piano su cui è massima l’attenzione del governo, che proseguirà, implementandola, nell’attività di monitoraggio, oltre che nella valutazione delle misure necessarie a calmierare i prezzi, fra cui la proroga del taglio delle accise disposta nell’ultimo decreto legge”, ha assicurato il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, durante il question time alla Camera.

Sottoscrivi
Notificami
guest
12 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Paolo
Paolo
1 mese fa

Per noi i rimborsi quando?
Vogliamo pagati anche gli interessi di mora,come fa lo Stato quando dobbiamo pagare noi.
Perche’ sono soldi nostri di cui paghiamo pure gli interessi alle banche,per il fido…Svegliamoci perché’ questo stato vuole che lavoriamo per i parlamentari ,poltrone ,e banchieri,,

Paolo
Paolo
Rispondi a  Paolo
1 mese fa

In Italia comanda la sinistra,le imprese per loro non vanno bene.difendono le famiglie,e lavoratori.
Quindi non aspettatevi miracoli.Solo tasse, tasse ed obblighi

Asterix
Asterix
Rispondi a  Paolo
29 giorni fa

Visto il fiume di quattrini che ci è arrivato con i ristori covid, spero che questa sinistra che governa duri a lungo. Benzinai con la memoria di un pesce rosso…

MARIO K.
MARIO K.
Rispondi a  Asterix
29 giorni fa

Quello era il governo Conte. Adesso ci sta Draghi, non avremo più un cazzo!

pippo
pippo
1 mese fa

In quale parte del mondo ,il cittadino, il gestore di qualsivoglia attività ,PRESTA ,i propri soldi allo stato in forma gratuita e obbligatoria ,il quale a sua volta si fa “bello ” con il popolo ,forse in Congo
Qualcuno mi ha detto che non capisco ,che stanno ragionando a alti livelli Fatto sta che i soldi mancano Grazie mille

Paolo
Paolo
Rispondi a  pippo
1 mese fa

Lo stato sta’ stanziando €202,00 al personale sanitario in busta paga
Noi sempre contenti.
questa e’ Italia?IO PAGO; ED IO PAGO——–

pippo
pippo
Rispondi a  Paolo
1 mese fa

Forse è perché ce qualcuno che li “aiuta”
Forse è perché quando protestano sono più uniti di noi gestori
Forse perché fanno un lavoro più utile e considerato del nostro, il ns lo abbiamo buttato alle ortiche
Forse perché non si accontentano di quello avuto nel passato ma guardano al futuro
Ci sono tanti perché ,certo è che oggi i piazzali sono vuoti ,i servizi conviene tenerli chiusi ma nessuno sembra accorgersene ,tutti interessati alla guerra UK e gas Russo SALUTIIIIIIII

paolo
paolo
Rispondi a  pippo
1 mese fa

SE i camionisti fanno sciopero tutti contenti,,
Ma la loro categoria e’ unita qui ognuno ha invidia dell’altro per il prezzo del centesimo
Noi non siamo credibili,,,

antonio
antonio
Rispondi a  paolo
29 giorni fa

Il mio impianto è automatizzato, ho sempre gente.
La GDO con distributore nelle vicinanze sempre con la fila tutto automatico.
Fatevi due conti, la tecnologia avanza…

Asterix
Asterix
Rispondi a  antonio
29 giorni fa

Che genio. Diamo sempre più spazio all’automazione, così daremo alle compagnie sempre più motivi per pagarci con un piatto di lenticchie.

pippo
pippo
Rispondi a  antonio
28 giorni fa

Hai ragione e hai fatto benissimo ,dovrebbero essere tutto automatizzato ,dalla banca ,al supermercato ,fioristi ,contadini ,dottori infermieri ,tutto automatizzato ,robot !!!! ovunque
Alla fine chi lavorerà ?tuto reddito di cittadinanza ? tutti in cassa integrazione ? Te lo dico di cuore .Ma va a cagare te , il self e chi ci va

pippo
pippo
Rispondi a  antonio
26 giorni fa

Il problema è che i coglioni restano