Decreto Trasparenza carburanti, per Urso regole più semplici ed efficaci

Rimane l’ esposizione prezzo medio regionale. L’obbligo di comunicazione dei prezzi dei carburanti sarà settimanale (e non giornaliero) e ad ogni variazione del prezzo. La chiusura per omessa comunicazione avverrà dopo 4 omissioni nell’arco di 60 giorni. Sanzioni ridotte. 

Le sanzioni per omessa comunicazione saranno da un minimo di 200 a un massimo di 800 a seconda del fatturato dell’impianto (prima raggiungevano i 6000 euro). Sono queste alcune delle modifiche proposte al tavolo dei benzinai dal ministro Adolfo Urso.

 Il Ministro delle Imprese e del made in Italy Adolfo Urso- spiega una nota – “nel confermare che sarà mantenuto nel decreto l’obbligo di esposizione del prezzo medio regionale, venendo incontro alle diverse richieste delle categorie, ha presentato una serie di modifiche per raggiungere l’obiettivo della trasparenza per i consumatori senza tuttavia gravare sui costi per le categorie che offrono un servizio importante per il Paese e verso il quale vi è unanime riconoscimento per il ruolo svolto anche nei momenti più difficili, come ad esempio durante la pandemia. Il Governo, inoltre, nel pieno rispetto del ruolo che il Parlamento assolve, ha deciso di posporre l’emanazione del decreto ministeriale che definirà le modalità di comunicazione e di esposizione dei prezzi, entro 10 giorni dalla conversione del decreto legge”. Oltre alle modifiche su comunicazioni e sanzioni, “per favorire la massima trasparenza, è prevista l’istituzione di una APP del Ministero gratuita che consentirà di conoscere il prezzo medio regionale e, con la geolocalizzazione, anche il prezzo praticato da ciascun distributore nel perimetro desiderato”.

 “Con queste modifiche – afferma il ministero – si afferma il principio della massima trasparenza, si mettono i consumatori in condizione di conoscere il prezzo medio e anche quello praticato da ciascun distributore. Si facilità così l’attività dei gestori semplificando le procedure di comunicazione e rendendo più commisurate le eventuali sanzioni”. Il ministro Urso ha infine confermato che il tavolo tecnico insediato da qualche giorno continuerà ad operare fino al completo riordino del settore che necessita di diversi interventi anche in vista della transizione green per la quale è chiamato a svolgere un ruolo significativo.

Sottoscrivi
Notificami
guest
6 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
gionni
gionni
9 giorni fa

e anche oggi i margini si aumentano domani.
grazie a tutti per l’interesse dimostrato

toni
toni
9 giorni fa

Bene ma non benissimo…
ma è un inizio…
ora parliamo di qualità della vita dei gestori (margini!)

Alex
Alex
9 giorni fa

le categorie che offrono un servizio importante per il Paese e verso il quale vi è unanime riconoscimento per il ruolo svolto anche nei momenti più difficili, come ad esempio durante la pandemia.

Una categoria con un ruolo così importante e indispensabile con tanti oneri e responsabilità retribuito come pezzente e trattato come un ladro??
Qualcosa in quello che si dice ed in quello che si impone non torna.

Prima di tutte queste chiacchiere vecchie che vengono ripetute ogni volta che bisogna purificare i peccati di qualcuno e regalare le responsabilità ai gestori ?
Bisogna prima definire il significato della parola gestore poi distinguerlo da un lavoratore subordinato o parasubordinato.
Dopodiché accertarsi che alle aziende petrolifere serva un imprenditore e non uno schiavo, un servo o un garzone.
Una volta accertato tutto questo bisogna stabilire i compiti del gestore in funzione del suo ruolo.
Tutte queste colpe vengono attribuite al gestore perché non ha un ruolo ben definito, quindi l’azienda che ha la voce più forte prende il buono e il gestore le incombenze.

Tony
Tony
9 giorni fa

Avete sentito cosa hanno detto.
Ci tengono sotto controllo perche’ siamo una categoria che speculiamo.
Veramente questa storia si ripete sempre.
Ma non capiscono che al servito costa di più’ perché diamo un servizio,come le poste,le banche….
Loro guardano al prezzo basso su impianti che vengono gestiti da persone
che fanno riciclaggio di denaro

Davide
Davide
9 giorni fa

….quindi con questo decreto..il carburante costera meno vero??…incredibile !! governo di paglia. SCIOPERO AD OLTRANZA..
….pensano di risolvere la cosa facendoci esporre dei cartelli….cosi il cliente leggera’ il cartello del prezzo medio….e sarà più felice di pagare il pieno alla sua auto.

Guido
Guido
7 giorni fa

Levate la droga al ministro…. lo confonde