Assemblee Unitarie dei Gestori sul territorio: un fronte comune per il futuro della categoria

Prende il via da Roma un’importante serie di incontri che potrebbero delineare il futuro dei Gestori di impianti di distribuzione carburanti in Italia. In risposta ai crescenti malumori riguardo ai contratti di appalto e presidio Faib Confesercenti, Fegica e Figisc/Anisa Confcommercio, hanno convocato assemblee generali unitarie su tutto il territorio nazionale.

Al centro del dibattito ci sono tre punti cruciali: la lotta contro i cosiddetti “contratti illegali” di appalto o presidio, che rappresentano forme di manovalanza a basso costo; la conclusione senza ulteriori indugi del tavolo di settore per garantire la sicurezza della categoria; e infine, la richiesta al governo di un immediato confronto sul disegno di legge di riforma del settore.

Le associazioni hanno deciso di unire le forze per esporre i tentativi fatti fino ad ora nei tavoli di trattativa con le associazioni dell’industria petrolifera e dei retisti privati. L’obiettivo è giungere a un piano di riassetto del settore da presentare al governo, il quale si appresta a definire un disegno di legge sulla ristrutturazione della rete e la certezza nei rapporti economici e contrattuali fra gestori e titolari degli impianti.

L’assemblea inaugurale avrà luogo martedì 26 marzo presso la sede della Fegica a Roma, con la partecipazione dei presidenti delle associazioni e dei loro rappresentanti. Successivamente, sono previste assemblee in altre regioni italiane, in Piemonte, Puglia, Lombardia Campania e a seguire nelle altre Regioni.

L’obiettivo ultimo di queste assemblee è di consolidare una strategia unitaria e incisiva per proteggere i diritti dei gestori carburanti, garantendo loro stabilità economica e contrattuale in un contesto sempre più complesso e sfidante.

Faib, Fegica e Figisc/Anisa Confcommercio sottolineano la “dilagante diffusione di contratti che noi definiamo illegittimi con i quali, dapprima alcuni operatori privati, poi le più importanti compagnie petrolifere (Tamoil e Q8 e da ultimo Eni) hanno iniziato a sperimentare per superare, a loro parere, criticità gestionali, difficoltà a reperire professionalità e mezzi finanziari adeguati, ma che in realtà celavano e celano obiettivi più solidi: la destrutturazione della rete carburanti così come l’abbiamo vissuta negli ultimi anni, ma soprattutto l’annientamento graduale della categoria e, di conseguenza, delle loro rappresentanze sindacali. Di pochi mesi fa – aggiungono i gestori – la pressante iniziativa Eni volta a sollecitare i gestori a rinunciare in tempo alla continuità del contratto vigente (la stragrande maggioranza dei contratti Eni infatti scadrà a fine 2027 e già l’azienda preannuncia che non li rinnoverà) offrendo in alternativa importi in denaro (con la loro sostituzione con nuovi “manager” in appalto) o la eventuale prosecuzione con formule contrattuali discutibili garantendo apparentemente un reddito medio appena inferiore a quello ottenibile come gestore ma in realtà denso di clausole capziose e ulteriormente vessatorie: soprattutto denso di precarietà e di incertezze”.

FAIB-FEGICA-FIGISC_ANISA – Volantino Assemblea Unitaria del 26.03.2024

Sottoscrivi
Notificami
guest
18 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Stefano v
Stefano v
30 giorni fa

Ok MA FATE IN FRETTA NON C È PIÙ TEMPO

Stefano v
Stefano v
Rispondi a  Stefano v
28 giorni fa

 gestori Eni sono quelli che sono andati un ESTATE INTERA TUTTE LE DOMENICHE SULL IMPIANTO PER CONTROLLARE CHE I CLIENTI IN SELF CON MEGA SCONTO NON AVESSERO PROBLEMI. DOPO CHE HANNO VENDUTO IL TRIPLO LEVANDOLO A QUELLI A FIANCO……….ADESSO ……PIANGONO ……TROPPO TARDI

Gestore noh24
Gestore noh24
Rispondi a  Stefano v
28 giorni fa

All’Epoca ero Eni e ho combattuto tanto per non applicare h24 mentre i colleghi facevano i grandi mostrando i sacchi pieni dei soldi della domenica e mi sfottevano pure.
I miei no mi sono costati la disdetta a fine contratto ma ora godo tanto a leggere i loro piagnistei.

Stefano v
Stefano v
Rispondi a  Gestore noh24
28 giorni fa

Bravissimo

PIPPO
PIPPO
30 giorni fa

E’ un suicidio Se il sindacato non si prende le proprie responsabilità ,e aspetta che si facciano incontri ,assemblee ,aspetta la ristrutturazione e menate varie che andranno a dopo estate ,farà il gioco di ENI e altre .
Da subito si deve colpire ENI E Q8 ,a Pasqua ,tanto per fargli capire che le regole le detta il sindacato .Essendo garantito il servizio di altre sigle non serve l anti trust I gestori in particolare quelli ENI ,non possono avere più alibi per non chiudere ,vedrete che gli altri vi seguiranno .Oramai non si tratta più di capire se restare o andare ,ma quando ti daranno il benservito .Altro che bonus o cazzate varie .
Oggi ,i gestori e il sindacato ,ha una forza contrattuale pari a zero !!! siamo stati troppo fermi ,senza reagire per poter “fare paura ” !!! non siamo stati nemmeno capaci di finire l ultimo sciopero !!!! abbiamo denigrato (giustamente ) dandogli dell ignorante lo stesso ministro che adesso chiamate in aiuto per risolvere il problema Benissimo !!!
Per chi non lo sapesse Sono più di 10 anni che con l avvento delle P Bianche sono iniziati a circolare contratti di merda !! si di merda con la M maiuscola ,il sindacato ne era al corrente ma non ha mosso un dito !! era quasi colpa dei gestori che venivano obbligati per poter sopravvivere e accettavano il nuovo ??? contratto ,e se qualcuno li metteva in guardia era un cretino
Oggi questi contratti si discutono ,si negoziano !!!!Molti miei colleghi hanno gia passato questa situazione ,oggi sono prestatori di manodopera a 1200 € al mese !!! e nessuno ha mosso un dito Lo dico ai gestori ENI eQ8 se NON obbligherete il sindacato a muoversi da subito ,da domani !!! tra un anno sarete finiti Ce una sola cosa da fare bloccare l ENI !!!!!

SALVATORE
SALVATORE
29 giorni fa

Allora qui se non si prende il Toro per le corna faremo la fine del torero trafitto dalle corna del Toro nell’arena , il tempo per riunioni incontri dibattiti per quanto ci riguarda è finito, non è più il tempo di fare chiacchere in quanto cosi facendo si fa il gioco delle compagnie che vogliono trascinare la questione in un vicolo ceco senza via di uscita , compagnie ENI Q8 E IP non vogliono sentire ragioni…. e poi volevo fare un appunto critico verso la compagnia ENI e che lo stato Italiano detiene una parte consistente del capitale sociale di questa e mi sarei aspettato un minimo di disponibilità alla risoluzione dei problemi della categoria , ma questi fanno gli gnorri facendo finta di non sapere o di non capire, come se la questione non riguardasse anche lor Signori , ma difronte al Dio denaro non si guarda in faccia a nessuno!!!!!

Timpani
Timpani
Rispondi a  SALVATORE
29 giorni fa

Solo due brevi risposte prima al noto Pippo e poi a Salvatore .
Il sindacato negli anni ha tentato con qualche avvocato sul territorio di incardinare delle cause contro questi contratti. Con alterne fortune, ma anche laddove si andava verso il successo, l’operatore petrolifero di turno ( azienda o privato) ha offerte somme importanti per non andare a sentenza. E , pur avendo a cuore l’interesse superiore della categoria , non potevamo “obbligare” l’amico gestore ad andare fino in fondo. Vogliamo gestori coraggiosi ma non martiri. E quindi, niente “giurisprudenza” , ma solo accordi privati che non possono essere utilizzati a beneficio di tutti. Allora abbiamo cambiato strada, scrivendo quasi quattro anni fà ad Inps, Ispettorato del Lavoro , Comando Carabinieri incaricato delle ispezioni , Ministri del Lavoro e delle Finanze ( non di questo Governo e quindi Pippo qualche volta ha ragione..) per denunciare i casi degli appaltasti e la loro condizione. Nessuno si è mosso. Ora, prendendoci anche delle severe critiche, cerchiamo di incontrare la categoria in Assemblee unitarie per diffondere la consapevolezza dei tranelli e delle penali insiti nei contratti di appalto. Spero tanto di incontrare nei prossimi mesi il Pippo di turno … Ma in ogni caso, anche la categoria si deve mobilitare. Pensare che l’ETICA degli operatori petroliferi li spinga verso un atteggiamento costruttivo con i Gestori, mi pare , a questo punto della storia, illusorio.

PIPPO
PIPPO
Rispondi a  Timpani
29 giorni fa

Buongiorno Timpani Grazie per la risposta
Solo un paio di considerazioni Il sindacato ha solo una forma di lotta legale per avere quello che chiede sancito dalla Costituzione LO SCIOPERO
I contratti di appalto sono nati 10 anni fa con le prime P Bianche
Ai gestori dico solo che :oggi come gestore porti a casa 3 centesimi più il Cipreg e qualche bonus ,domani con il contratto di appalto porterai a casa 3 MILLESIMI !!!!! per continuare devi costare meno di un dipendente !!!
Caro Timpani lei parla “nei prossimi mesi ” Nei prossimi mesi si possono firmare migliaia di disdette e di nuovi contratti I gestori non hanno mesi ma giorni .
Le compagnie Non hanno etica ,ma solo interessi .Dovete bloccare L ENI o tutti i discorsi saranno inutili Voi lo dovete capire e trasmetterlo ai gestori
Un saluto

Stefano v
Stefano v
Rispondi a  Timpani
29 giorni fa

Bravo Timpani , traduzione bisogna sempre trovare un compromesso tra le forze in campo anche perche’ il terzo attore in campo (Governo) potrebbe stufarsi e rinviare tutto alle calende greche, e non mi sembra la categoria abbia molto tempo a disposizione.Speriamo che i vari guerrieri lo capiscano. GRAZIE ANCORA PER IL SUO PUNTUALE E PREZIOSO SUPPORTO A QUESTA CHAT.

PIPPO
PIPPO
Rispondi a  Stefano v
29 giorni fa

Forse i gestori non hanno capito ,che la sola e unico attore con il quale ci dobbiamo confrontare (il sindacato lo ha capito benissimo ) e’ l ENI Il Governo ,altri ,non centrano e non servono a nulla Se passa la logica ENI è finita e in particolare per i gestori ENI !!!!! Qua non si tratta di compromessi ,qua si vince o si chiude il sistema gestioni. VI E’ CHIARO O NO !!!Cercare aiuti da altri non va o si inizia a scioperare da subito o è finita .E’ inutile nascondersi dietro un dito questa è la situazione !!! Vada il sindacato a chiedere lumi su cosa vuol fare ENI e lo scriva e scriva anche su cosa è disposta a cedere l ENI poi ridiamo !!!!

Stefano v
Stefano v
Rispondi a  PIPPO
28 giorni fa

I gestori Eni sono quelli che sono andati un ESTATE INTERA TUTTE LE DOMENICHE SULL IMPIANTO PER CONTROLLARE CHE I CLIENTI IN SELF CON MEGA SCONTO NON AVESSERO PROBLEMI. DOPO CHE HANNO VENDUTO IL TRIPLO LEVANDOLO A QUELLI A FIANCO……….ADESSO ……PIANGONO ……TROPPO TARDI

Last edited 28 giorni fa by Stefano v
SALVATORE
SALVATORE
Rispondi a  Timpani
29 giorni fa

Caro Roberto Timpani io ho grande stima e considerazione nei tuoi confronti come persona ed anche come sindacalista, però per quanto riguarda la nostra situazione attuale non possiamo aspettare i tempi della politica anche perchè di questa vertenza che si trascina da troppo tempo, e che non si è riusciti a cavare un ragno dal buco con discussioni riunioni e minacce di scioperi paventati non si e ottenuto un bel nulla nemmeno un confronto con questi e quindi credo che ci voglia uno scatto in avanti senza più tentennamenti e capisco anche le difficolta in quanto le teste da mettere in sintonia sono tante ,ma il malato è grave e se non si anticipano i tempi il malato ahimè muore!!!! cordiali saluti.

oleoblitz
oleoblitz
29 giorni fa

il mondo della distribuzione carburanti è finito, già da tempo, per chi non comprende ora si sveglia…troppo tardi per tutto !!! per salvare la categoria doveva esserci anni fa una vera ristrutturazione RETE con la chiusura di almeno 8000/10000 impianti sul territorio ed adeguarsi all’Europa, purtroppo sempre rinvii …sempre blablabla e riunioni ma mai fatti concreti. Ora ci troviamo nella cacca (sospiro) un saluto ai colleghi e chi può se ne vada ora…

Kazunori
Kazunori
Rispondi a  oleoblitz
28 giorni fa

Ciao Oleoblitz ,me ne vado quando mi chiamera’l’INPS,non manca tanto ; ))

Gestore noh24
Gestore noh24
Rispondi a  oleoblitz
28 giorni fa

E’ fantastico leggere gli stessi colleghi, che si erano precipitati ad accelerare la propria fine aderendo ad h24 e scontoni, inneggiare alla lotta di classe.
Siete stati voi a sancire l’inutilità del gestore mettendoci pure dei soldi.
La messa è finita, andate in pace.

oleoblitz
oleoblitz
Rispondi a  Gestore noh24
28 giorni fa

per quanto mi riguarda son sereno, non sono di colore ENI…prenditela con loro SCONTONE anno 2012…chi si ricorda???

Stefano v
Stefano v
Rispondi a  oleoblitz
28 giorni fa

io ricordo e l ho scritto

oleoblitz
oleoblitz
28 giorni fa

quando andrai in pensione fammi sapere …..un caro saluto Kazunori (anche perchè da pensionati sarebbe bello conoscerci) dopo un pò di anni che ci salutiamo….a presto……