Petrolifera Adriatica, sciopero sugli impianti a marchio Esso di Toscana, Marche e Abruzzo

GESTORI CARBURANTI ESSO DI PETROLIFERA ADRIATICA: SITUAZIONE DRAMMATICA

Petrolifera Adriatica, sciopero sugli impianti a marchio Esso di Toscana, Marche e Abruzzo, il prossimo 20 e 21 MARZO 2019.

Sciopero da martedì 19 marzo, a partire dalle ore 19,00 al 22 marzo alle ore 07,00, compreso gli accettatori Self Service sugli impianti Esso ceduti a Petrolifera Adriatica, in Toscana, Marche e Abruzzo.

I gestori Esso delle tre regioni incrociano le braccia per protestare contro la reiterata arroganza della compagnia che continua a non applicare- nonostante la condanna del Tribunale di Roma – l’accordo siglato il 16 luglio 2014 e a perseguitare i gestori che hanno osato chiedere giustizia alla “Giustizia”.

È questa la nuova protesta dei gestori Esso ceduti a Petrolifera Adriatica nelle tre regioni dell’Italia centrale, resa necessaria dal perdurante atteggiamento di menefreghismo dell’azienda che è ferma su posizioni di grave lesione dei diritti dei gestori e che, anche in corso di definizione di un nuovo accordo, insiste ad offrire condizioni economicamente nettamente peggiorative.

I gestori Esso di Toscana Marche e Abruzzo protestano contro la violazione dell’Accordo economico firmato il 16 luglio 2014 in forza del d.lgs. 32/1998, della legge 57/2001 e della legge 27/2012 e in segno di rigetto dei contratti capestro imposti ai gestori one to one e contra legem.

Con tali contratti fuori legge la società spinge a nuove adesioni individuali, che costringono i gestori a condizioni economiche e normative che derogano peggiorandole in modo rilevante quelle previste dagli Accordi collettivi vigenti, validi ed efficaci per tutti i Gestori dei punti vendita di viabilità ordinaria a marchio Esso.

I gestori Esso ceduti a Petrolifera adriatica di Toscana Marche e Abruzzo denunciano

il netto peggioramento delle loro condizioni economiche
il tentativo di addossare il costo dell’operazione di acquisizione della rete Esso ai gestori medesimi, tramite l’aggressione ai diritti maturati e con il peggioramento del margine economico;

l’inasprimento delle politiche di prezzo a carico dei gestori che hanno osato l’azione legale
l’abuso di posizione dominante dell’azienda e il ricorso alla pratica di condizioni inique e discriminatoriecondizioni di prezzo non competitive che stanno mettendo in ginocchio le gestioni
I gestori di Petrolifera Adriatica sono in situazioni drammatiche e denunciano alle autorità il comportamento illegale e unilaterale di Petrolifera Adriatica e invitano i colleghi alla chiusura degli impianti:

Per garantire il futuro alle loro gestioni
Per il giusto riconoscimento economico del lavoro svolto
Per la valorizzazione delle loro attività
Per il rispetto della loro dignità
Per la firma dell’Accordo economico
Le due giornate di sciopero sono il segno di una mobilitazione che vedrà coinvolti i gestori ceduti a Petrolifera Adriatica che potrebbe sfociare in altre tornate di scioperi, allargata anche a tutti i gestori su tutto il territorio nazionale a marchio Esso.

  • 28
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

8
Lascia un commento

avatar
  Sottoscrivi  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Pier Antonio
Ospite
Pier Antonio

Volevo esprimere tutta la mia solidarietà e vicinanza ai Colleghi che con coraggio affrontano questa compagnia irrispettosa anche delle leggi che regolamentano il settore, e ora che tutti insieme poniamo FINE a questi comportamenti. Sono con voi. Pier Antonio Gestore IP

Alessia Ceccoli
abbonato
Alessia Ceccoli

Qualcuno con gli attributi finalmente sciopero

ANDREA
Ospite
ANDREA

Ripartire da se stessi non è mai semplice; ma, c’è un momento preciso in cui qualcosa si spezza e diventa necessario farlo. Un momento in cui bisogna rendersi conto che non si può trattenere quel che non vuole essere trattenuto. Urliamo a gran voce basta! basta ingiustizie! basta soprusi! Lottiamo insieme per una vita dignitosa!
Sono con voi cari amici.
Andrea gestore IP

fw14
Ospite
fw14

avete tutta la mia solidarieta’
e stima

Antonella
Ospite
Antonella

Forza ragazzi non mollate sono un gestore come voi e conosco bene le nefandezze di queste compagnie petrolifere……dobbiamo essere uniti….grandi!!!!!

anonimo
Ospite
anonimo

si programmano scioperi che alla fine nessuno li fa’purtroppo dovremmo imparare dai pastori sardi meditate gente meditate

mauro
Ospite
mauro

Si deve scioperare finche non si siede al tavolo delle trattative è si trova l’accordo, altrimenti si trovano solo pagliativi, ci si deve svegliare se si vuole ottenere il giusto, non bisogna dare scuse ai sindacati i quali si giustificano che la categoria non aderisce agli scioperi, ma bisogna dimostrare che siamo disposti ad andare fino in fondo e anche oltre.

Max
Ospite
Max

Solidarietà anche da me, essendo /EG posso soltanto dirvi che siamo sulla stessa barca, forse voi siete soltanto più uniti. Qui in Sicilia siamo ognuno per conto loro, ci facciamo la guerra tra Esso ed Esso…..e di lottare e fermarci non si nessun il coraggio…..manutenzioni ed investimenti soltanto descritti sul loro web site e sulle loro news….