Stangata in arrivo nel 2021: il governo aumenta le accise sui carburanti

L’emendamento del governo alla manovra prevede un netto aumento delle clausole di salvaguardia per le accise sulla benzina. Una modifica messa in campo per trovare le coperture e che prevede un rialzo da oltre 3 miliardi nei prossimi tre anni. Risorse che dovranno essere trovate nelle prossime leggi di Bilancio per evitare una vera e propria stangata sui carburanti.

Aumentano le clausole di salvaguardia riguardanti le accise sulla benzina. L’emendamento presentato al Senato dal governo sulla legge di Bilancio prevede una clausola di salvaguardia da oltre tre miliardi di euro in tre anni, con un aumento delle accise sui carburanti a partire dal 2021.

Con questa modifica, impiegata per trovare le coperture alla manovra, si rivedono al rialzo clausole già esistenti ma per importi finora nettamente inferiori. Le clausole vengono innalzate di 868 milioni nel 2021, di 732 milioni nel 2022 e di 1,5 miliardi nel 2023. Per un totale di 3,1 miliardi di euro di aumenti che potrebbero arrivare a partire dal 2021.

Il governo, dunque, con la manovra del prossimo anno dovrà sterilizzare queste clausole, esattamente come avvenuto negli ultimi anni sia per le accise sui carburanti sia, soprattutto, per l’aumento dell’Iva.

Viene confermata la sterilizzazione delle clausole per il 2020, ma gli aumenti per gli anni successivi sono consistenti. Si arriva così a incassi previsti da 918 milioni nel 2021, 1 miliardo nel 2022 e 1,8 miliardi nel 2023. Il rischio di una stangata sui prezzi di benzina e diesel, dunque, è concreto.

Nell’emendamento, inoltre, si prevede per le accise sul gasolio commerciale che “i veicoli di classe euro 3 siano esclusi dal beneficio fiscale della riduzione dell’accisa sul gasolio per autotrazione utilizzato in alcune tipologie di automezzi per il trasporto di merci e passeggeri, a decorrere dal primo luglio 2020 (anziché dal primo marzo 2020)”.

Sulla base delle stime degli effetti finanziari, tenendo conto delle modalità di fruizione del credito, viene ritenuto che “il risparmio atteso stimato nella relazione tecnica alla disposizione possa essere ridotto prudentemente di un importo pari a 50 milioni di euro. Pertanto derivano minori risparmi di spesa per 50 milioni di euro per l’anno 2020”.

  • 285
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
7 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
lucadeluca
lucadeluca
10 mesi fa

invece di combattere il contrabbando, lo stato lo fomenta.
bravi

fabio
fabio
10 mesi fa

il problema rimane lo stesso…….

fabio
fabio
10 mesi fa

ALLUCINANTE, COME SE LA CRISI DELLE GESTIONI NON FOSSE DOVUTA AL MARGINE DA FAME DI 47 MILLESIMI (90 LIRE) MA DAL RECUPERO DI UN PO’D’EROGATO . LA MONTAGNA HA PARTORITO UN TOPOLINO , TRA L ALTRO A COSTO ZERO. TOTO’ DICEVA…MA MI FACCIA IL PIACERE.

max
max
Rispondi a  fabio
10 mesi fa

imparate dalla Francia visto la figura di merda che abbiamo fatto con lo sciopero cosa volete cambiare !

Massimo Moroni
Massimo Moroni
10 mesi fa

… ll’è nova!…

pippo
pippo
10 mesi fa

QUALCUNO MI VUOLE SPIEGARE DEL PERCHÉ ,SE AUMENTANO LE ACCISE PONIAMO CASO DI 3 CENTESIMI TUTTI ZITTI ,SI PUO FARE, NATURALMENTE A CARICO DEGLI UTENTI ,MENTRE SE SI DANNO 3 CENTESIMI DI AUMENTO AI GESTORI SI APRONO LE CATERATTE DELL INFERNO ? PERCHÉ SOLO LORO POSSONO AUMENTARE MENTRE NOI SIAMO OBBLIGATI A MORIRE DI FAME ? CE LO SPIEGHI MAGARI QUALCHE SINDACALISTA CHE CHIAMA “FESSO ” I GESTORI CHE AUSPICANO I 10 CENTESIMI

anto
anto
Rispondi a  pippo
10 mesi fa

Pippo stai sereno,
vedrai che ci sarà la triade a intervenire energicamente e risolvere i problemi dei gestori.
Fusse ca fusse la volta bona!!!!!!!!!!!!!!