GESTORI CARBURANTI: NON SAREMO CERTO NOI GLI EROI, MA NEMMENO POSSIAMO ESSERE CONSIDERATI SCHIAVI O MARTIRI.

IMPOSSIBILE GARANTIRE SICUREZZA SANITARIA ED ECONOMICITA’. GLI IMPIANTI COMINCIANO A CHIUDERE:DA MERCOLEDI’NOTTE LE AUTOSTRADE E A SEGUIRE TUTTI GLI ALTRI.

In un Paese che -malgrado i limiti strutturali e l’assoluta drammaticità della situazione- cerca e spesso trova il modo per far scattare meccanismi di solidarietà, c’è una categoria di persone, oltre 100.000 in tutta Italia, che, senza alcuna menzione, ha finora assicurato, senza alcun sostegno né di natura economica, né con attrezzatura sanitaria adeguata, il pubblico servizio essenziale di distribuzione di energia e carburanti per il trasporto di beni e persone.

100.000 persone che hanno continuato a fare il loro lavoro (ridotto mediamente dell’85%) a rischio
della propria incolumità e mettendo in pericolo la propria salute, presidiando fisicamente il territorio, rimanendo dove sono sempre state e dove ogni cittadino di questo Paese è abituato a trovarle ogni giorno, vale a dire in mezzo alla strada.

E forse, proprio per questa ragione, queste 100.000 persone risultano essere letteralmente invisibili, presenza data per scontata, indegna persino di quella citazione che di questi tempi non si nega a nessuno.

Noi non siamo certo eroi, né angeli custodi.

Ma nessuno può pensare di continuare a trattarci da schiavi, né da martiri.
Siamo persone con famiglie da proteggere, cittadini tra gli altri che sanno di dover assolvere ad una
responsabilità di cui non si vogliono spogliare, ma a cui non può essere scaricato addosso l’intero
carico che altri soggetti, con ben altri mezzi, disponibilità economiche e rendite, si ostinano ad ignorare.

Noi, da soli, non siamo più nelle condizioni di assicurare né il necessario livello di sicurezza sanitaria, né la sostenibilità economica del servizio.

Di conseguenza gli impianti di rifornimento carburanti semplicemente cominceranno a chiudere: da mercoledì notte quelli della rete autostradale, compresi raccordi e tangenziali; e, via via,tutti gli altri anche lungo la viabilità ordinaria.

Correremo il rischio dell’impopolarità e dei facili strali lanciati da comode poltrone, ma davvero non
abbiamo né voglia, né la forza per spiegare o convincere delle solari ragioni che ci sostengono.

Chi volesse approfondire può chiedere conto a Governo, concessionari autostradali, compagnie petrolifere e retisti indipendenti: a ciascuno di essi compete fare per intero la propria parte se si vuole assicurare la distribuzione di benzina e gasolio.

  • 20
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
20 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
giuseppe
giuseppe
9 mesi fa

Chi ci ha dato una risposta sui margini , che da tempo , non vengono aggiornati?
Quanto il MISE ha valutato che il nostro fatturato non è cioè che guadagniamo , 2 milioni di fatturato , danno hai gestori 20000 euro sporchi ,ma per molti il nostro guadagno è 2 milioni di euro
Chi può faccia qualcosa

Reda
Reda
Rispondi a  giuseppe
9 mesi fa

Da giovedì 26 tutti chiusi anche sulle strade ordinarie sto contattando altri colleghi dobbiamo essere tutti concordi

Solar
Solar
Rispondi a  Reda
9 mesi fa

Passerete alla storia come chi ha abbandonato il Paese nel momento della difficoltà. Non fate un errore così stupido.

mario
mario
Rispondi a  Solar
9 mesi fa

meglio stupidi che morti

pippo
pippo
9 mesi fa

Rischiando di essere monotono ,vorrei far capire a molti ,sindacati tutti compresi ,che tutto questo finirà e spero che questa esperienza ci /vi faccia capire che il mondo ,le relazioni sociali ,umane cambieranno
Molti capiranno che è finita l epoca dei soldi a tutti i costi ,o essere umiliati da personaggi in giacca e cravatta ,manager della minchia ,assistenti rete ignoranti e volgari ,Le regole saranno cambiate ,dobbiamo riprenderci quello che ci hanno RUBATO in questi anni ,prima fra tutto la ns dignità .Dignità che ancora oggi ci viene negata ,nemmeno difronte a questa emergenza ,dove si rischia la vita ,pretendono ,loro pretendono il venduto !!! Carne da macello !!! Provate voi cari dirigenti a mettervi un tubo di 2 cm in gola per qualche ora !!! questo è quello che ci volete mettere per 4 miseri litri ,Dovreste baciare dove i gestori camminano ,senza di loro sareste dei falliti !!
Spero che dopo questa batosta il sindacato TUTTO !!! si unisca
Annulli tutti i contratti in essere ,ritorno al contratto di gestione e trattativa negoziata a fine anno . Pretenda da subito i 10 centesimi al litro ,SUBITO!! le commissioni pos al 10% Lotta al contrabbando facendo intervenire un commissari con pieni poteri ,in 2 mesi sparisce tutto .
Se questo non ci farà svegliare ,è giunta l ora di chiudere tutto e cambiare mestiere ,noi e il sindacato tutto Ciao a tutti e auguri

Solar
Solar
9 mesi fa

Anni e anni a subire in silenzio, e avete deciso di scioperare proprio quando il Paese è in ginocchio e abbiamo più che mai bisogno di garantire il movimento delle merci e persone essenziali.
Complimenti, bella vigliaccata

Reda
Reda
Rispondi a  Solar
9 mesi fa

guarda che le persone essenziali percepiscono lo stipendio noi che loro ci reputano essenziali ci rimettiamo in salute ed in valute…….meditate care colleghi

mario
mario
Rispondi a  Solar
9 mesi fa

vorrei sapere chi è questo anonimo solar,magari
è a casa anche con lo stipendio

pino
pino
9 mesi fa

io mi sento un guerriero, non uno sciacallo, non colpirò un Paese ferito!

Fabio
Fabio
9 mesi fa

sindacato di Burattini….

pippo
pippo
Rispondi a  Fabio
9 mesi fa

Gli scioperi non sono mai stati fatti in modo totale ,tutti chiusi cosa ci VI fa pensare che questo riesca Primo non e vero che il paese si blocchi ,è gia bloccato e in ogni caso le POMPE BIANCHE sono aperte!!! .Le merci viaggiano lo stesso hanno i serbatoi in azienda !!! quindi di cosa parliamo ? nessuno vuole essere sciacallo o altro ,penso che ancora una volta qualcuno pensa ai litri .Attenti cari signori meglio un tubo in culo che in gola

Solar
Solar
Rispondi a  pippo
9 mesi fa

Premesso che sono figlio di un gestore, quindi credo di conoscere i problemi che affronta tutta la categoria. Rimango della mia idea che una mossa di questo tipo sia una mossa di bassissimo livello da parte del sindacato, che trovandosi incapace (o non intenzionato?) a far sentire la propria voce in tempi normali, cerca di far parlare di sé in un momento di crisi come questo, nell’assalto alla diligenza del sistema allo stremo.
Cosa ne ricaverete? Dalle compagnie assolutamente nulla. Ma questa volta state dando a tutti i detrattori la possibilità di additarvi come sciacalli, glielo rendete proprio facile. Sperate di farvi sentire dal governo? In questo momento ha ben altri pensieri, la gente muore nelle corsie degli ospedali, nessuno ha voglia di parlare delle commissioni pos per i gestori.
Farete almeno presa sui consumatori, si spera? No, il traffico privato è già ridotto del 70%, pompe bianche e bengalesi continueranno a restare aperti, lasciando voi con il cerino in mano.

Meditate.

Reda
Reda
Rispondi a  Solar
9 mesi fa

comunque sto meglio con un cerino in mano che un tubo in gola,il cerino lo posso spegnere vale a dire mi metto la cicca…..il tubo no e comunque a chi interessa la gloria si accomodi

Marco Sisti
Marco Sisti
9 mesi fa

Lo sciopero è completamente inutile . Gestioni dirette e bengalesi non lo faranno . Dobbiamo acquisire visibilità con altre forme di protesta visto che di solito non ci si caca nessuno …

Gianluca B
Gianluca B
9 mesi fa

Ma fate sul serio?? L’Italia è in crisi e volete metterla ancora in difficoltà???? Ma che figura ci facciamo???? Io non mi metto a scioperare ADESSO quando ho clienti che sputano sangue per il bene ti tutti!!! Voi non mi rappresentate!!! E non rappresentate nessuno che ha un minimo di dignità!!! Approfittarsi di questo momento per protestare di cose che dovevamo avere anni fa è da vili!!!

Pippo
Pippo
9 mesi fa

Questo non è uno sciopero ma una chiusura contro le compagnie e retisti!! che ci mandano allo sbaraglio rischiando la vita!!! Forse chi ha i clienti da servire non ha ancora visto cosa c è in veneto o Piemonte!!! La morte!!! IlGoverno deve considerarci non solo quando fa comodo dopo questo momento tornerà come prima considerati nulla!!! E quello più grave è che nemmeno ora siamo uniti ancora oggi mettiamo la ns vita a rischio per un litro

Timpani
Timpani
Rispondi a  Pippo
9 mesi fa

Ancora una volta sono d’accordo con Pippo. Primo : noi abbiamo scritto che i gestori autostradali chiuderanno gli inpianti non pet sciopero ma perche stare aperti h 24 con collaboratori significa oggi vendere poche centinaia di litri rimettendoci. Chi paga per garantire il trasporto delle merci ? E lo sa bene anche Marco Sisti. Poi, anche la rete ordinaria poco a poco fallira’ . Tutte le lettere dal 12 marzo in poi, delicate, responsabili, elehanti e con la dovuta cautela sono rimaste inascoltate. E qualcuno pensa alle brutte figure. E vabbe’ in qualche necrologio verra scritto che per non fare brutte figure con la clientela si è immolato . Allora lasciamo perdere. Ha ragione Fabio : siamo tutti dei burattini ma mica solo il sindacato

sconsolato
sconsolato
9 mesi fa

il benzene è stato classificato dall’agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (International Agency for Research on Cancer, IARC) nel gruppo 1, tra le sostanze con una sicura capacità di generare il cancro (cancerogenicità) nell’uomo.
E voi vi preoccupate del coronavirus o di fare sciopero !

sconsolato
sconsolato
9 mesi fa

con 600 euro ci pago la luce e per mantenere la famiglia sono cazzi nostri la scrematura tanto voluta degli impianti ora ci sara’ a spese del gestore come sempre !

Alex
Alex
9 mesi fa

Tutti approfittano del occasione x guadagnare sulle disgrazie altrui, il gestore come al solito non è capace di sfruttare il momento x far rispettare i propri diritti, non x lucrare sulle disgrazie.
I PROPRI DIRITTI NEGATI !!
In questi giorni dove da quello che scrivono alcuni gestori (non colleghi) sembra che il nostro sciopero potrebbe compromettere la salvezza della nazione.
Stiamo lavorando esclusivamente in self non x volere o per scelta
ma semplicemente perché quei pochi soggetti che vengono sono aziende munite di carte aziendali,
quindi oltre a vendere un prodotto sottocosto, oltre a pagare le commissioni sulle carte aziendali, siamo costretti a subire anche le ritorsioni aziendali x abbassare il prezzo che scende ogni giorno.
A questo bisogna aggiungere che tutti quei signori dipendenti enel, eni, stogit, saipem, telecom che ricevono premi malattie, premi vari sotto forma di punti you&eni guarda caso entro fine mese devono scaricarli!!!
Quindi la nostra presenza sul impianto non serve per salvare la nazione, ma serve esclusivamente x far ottenere riconoscenze hai nostri aguzzini, x far anticipare gli sconti,
SIAMO GESTORI o semplicemente stupidi ??
Amadori ha investito due milioni di Euro x i suoi dipendenti, dopotutto non sono i suoi polli che salveranno vite umane.
Quanto tutto questo si calmerà, non vi aspettate premi e riconoscenze perché vi chiamerà l’agenzia delle entrate, poi verrà la finanza a controllare i mancati incassi e poi la compagnia vi chiederà gli affitti arretrati.
L’infermiere che si trova nei reparti non è un angelo, e lo stesso che fino a qualche settimana fa era il furbetto del cartellino.
Il medico che ora è considerato il compagno di merenda di Padre Pio, è lo stesso che fino pochi giorni fa ti faceva fare 4 ore di fila nel suo studio x farti una ricetta mentre ora ti invia un codice x telefono.
Quella sanità tanto vantata oggi è la stessa che fino a pochi giorni fa occorrevano mesi di prenotazione x incontrare lo stesso medico che a pagamento ti aspettava dietro l’angolo.
Il lavoro che fanno lo hanno scelto loro,
per anni hanno lucrato senza rischi ne pericoli ora è arrivato il momento di dimostrare a cosa sono servite le tasse che lo stato ci ha imposto.
Ascoltate al telegiornale tutti i settori che fanno le loro rivendicazioni e paragonate i vostri diritti a loro.
La mia non è un offesa verso nessuno, vorrei solo che ogni uno riflettesse seriamente sul nostro ruolo e soprattutto sul nostro operato.