Diesel, governo studia aumento accise per incentivare l’acquisto di veicoli elettrici

Il governo aveva avviato una consultazione online promossa dal ministero dell’Ambiente e rivolta a cittadini e imprese che potrebbe portare ad aumentare il prezzo del diesel, aumentandone le accise. Alla base di questa scelta, la volontà di una transizione ecologica, con il governo orientato a fare delle proposte normative per la rimodulazione dei sussidi ambientali dannosi (SAD). Tra le varie tematiche, ce n’è appunto una che interessa da vicino gli automobilisti: l’ipotesi di cancellare il divario fiscale che oggi rende il gasolio meno caro della benzina.

L’iniziativa è scaduta a fine agosto e le proposte potranno diventare articoli da inserire nella prossima legge di bilancio. Con la conseguente possibilità di destinare ingenti risorse ad attività più eco-sostenibili. Restando in tema automobili, per esempio, il governo potrebbe sfruttare il gettito derivante dall’operazione diesel (si stimano fino a 5 miliardi di euro) per incentivare l’acquisto di veicoli elettrici.

Quello che è certo è che l’aumento del prezzo del diesel inciderà sul costo delle merci, che in Italia viaggiano prettamente su gomma. Con l’aumento delle accise, infatti, il gasolio arriverebbe a costare più della benzina verde. Ad oggi il gasolio costa 1,290 euro al litro contro l’1,549 della benzina. Questi i valori comprensivi di accisa: diesel a 888,17 euro per mille litri, benzina a 976,43 euro per mille litri.

Intanto il sondaggio online tenuto dal ministero dell’Ambiente si è concluso con 327 commenti e suggerimenti di cittadini, imprese, studiosi e associazioni e potrebbe portare dal prossimo gennaio a un indirizzo che sarà senza dubbio contestato.

La protesta più forte al momento è quella delle associazioni dell’autotrasporto e della vendita di prodotti petroliferi (assopetroli). Dicono che il disincentivo fiscale reso ancora più penalizzante “sarà una mazzata per le imprese e non darà alcun beneficio all’ambiente, visto che sono bastonati perfino i biocarburanti «i quali, a rigor di logica, dovrebbero godere di una fiscalità agevolata», è scritto in una lettera mandata dall’Assopetroli al ministro dell’Ambiente Sergio Costa. […] Il disincentivo fiscale sul gasolio è tra i più esosi al mondo. Alla rilevazione del 7 settembre il prezzo medio di un litro di gasolio era 1,28 euro, di cui appena 43,3 centesimi il costo industriale e il rimanente è fisco tra accisa (61,74 centesimi al litro) e Iva. Ma anche se il fisco italiano è il più avido del mondo, il gasolio ha un’accisa un po’ più bassa della benzina (72,84 centesimi al litro). Se passasse la proposta del ministero dell’Ambiente il gasolio costerebbe molto più della benzina: alle quotazioni medie del 7 settembre, un litro di diesel costerebbe 1,41 euro invece di 1,28 e contro gli 1,39 di prezzo medio della benzina. L’obiettivo reale (ma non detto) non è cancellare un sussidio ma spingere i cittadini a non bruciare gasolio e a usare soprattutto veicoli elettrici come l’auto a batterie o il monopattino, incentivati da bonus fiscali“.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
5 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Alex
Alex
16 giorni fa

Quando il governo dice che studia, è preoccupante,
forse sarà il numero esagerato di studiosi,
forse saranno i suggeritori che si prendono gioco di loro,
ma oltre alle loro parcelle non hanno mai studiato nulla di buono.
Vorrei che chi legge questa mia ironia associa questo articolo a quello precedente di Moreno Parin, per capire quando gli saranno grati x questo studio tutte quelle pompe che si forniscono nei canali illegali, dove le accise e l’iva sono il loro pane quotidiano.
Come politici, non meritate nessuna stima,
mah, come studiosi valete ancora meno.
SARA’ UN ENNESIMO INCENTIVO ALL’ILLEGALITA’

francesco saverio
francesco saverio
14 giorni fa

Ecco la vera democrazia del governo PD GRILLINO, 327 GRILLINI, ambientalisti, HANNO VOTATO NEL SITO DEL MINISTERO DELL’AMBIENTE CHE PER LORO L’AUMENTO DEL GASOLIO E’ COSA BUONA E GIUSTA,il governo democratico, 5 stelle PD,si e’ subito attivato per aumentare l’accisa ,OVVIO PIU IVA, del gasolio, che comportera’ per ogni mille litri un anticipo di almeno 122 euro da parte del gestore. Ai politici che gliene frega che tutti i supermercati DOVRANNO AUMENTARE I PREZZI AL CONSUMO, mica soffrira’ il clan dei politici assunti DALLO STATO, SOFFRIRA’ IL SOLITO PENSIONATO CON 1000 EURO AL MESE E CON LA VECCHIA PANDA DIESEL.
Ma dai, abbiamo i nuovi dittatori della nostra salute e della nostra vita tutti ACCOMODATI SULLE POLTRONE CON IL SEDERE PIATTO NON AVENDO MAI LAVORATO E DEMOCRATICAMENTE, 5 STELLE E PD, HANNO ACCESO L’ASPIRAPOLVERE PER PRELEVARE DALLE NOSTRE TASCHE ANCHE LA POLVERE CHE PUZZA DI EURO.GUARDIAMOCI ALLO SPECCHIO, SIAMO DEI COGLIONI , NELLA NOSTRA POVERTA’ AVREMMO DOVUTO INTERVENIRE PER DIFENDERE I CONSUMATORI CON UNO SCIOPERO AD OLTRANZA , ma la poverta’ e ‘ tale che ogni 5 euro di carburante venduto E’ OSSIGENO,

mario
mario
Rispondi a  francesco saverio
12 giorni fa

vi lamentate ma avete preso i soldi a fondo perduto,senza lavorare

Massimo Moroni
Massimo Moroni
Rispondi a  mario
12 giorni fa

se non sai di cosa parli taci! se ti riferisci all’elemosina erogata dall’inps sappi che la maggior parte dei gestori “lavora per la patria” con stipendi che non raggiungono nemmeno quelli dei peggiori call center

francesco saverio
francesco saverio
13 giorni fa

molti di noi sfogano su questo sito le gioie e la rabbia che alberga nel nostro cuore per le condizioni in cui la storia del nostro settore ci conduce lentamente verso il declino MA DAI NUMERINI CHE CI INDICANO LA CONDIVISIONE A ME SEMBRA TEMPO SPRECATO va bene cosi’ sia AMEN