Il ministro Cingolani: “Comprare una Tesla oggi non conviene”

Il ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, sul caro-energia: ricaricare un’auto elettrica oggi costa quasi come un pieno di benzina. “Serve un corretto energy mix”

Il ministro della transizione Ecologica, Roberto Cingolani, nel suo intervento all’evento genovese “Italia Domani- I Dialoghi sul Piano di Ripresa e Resilienza” evidenzia come l’aumento dei costi dell’energia influisca, negativamente, anche sul mondo della mobilità. «”Molte delle cose che stiamo facendo vanno a mitigare il costo dell’energia e tutta una serie di cose che non rendono la transizione giusta”, spiega Cingolani.

Auto elettrica, conviene?
“Se io oggi mi compro la Tesla e mi faccio la volvox a casa, il conto elettrico della Tesla che mi sono comprato mi viene più o meno quanto il conto della benzina. Con quello che costa oggi l’elettricità quasi non mi conviene”, continua il Ministro che poi individua l’origine del problema. “Paghiamo errori sull’energy mix del nostro Paese. Noi abbiamo solo gas e rinnovabili e il gas lo importiamo tutto da fuori. Noi dobbiamo lavorare tecnicamente su una transizione ecologica che parte dall’energia, con un energy mix pensato correttamente facendo chiaramente delle misure contingenti, ma siamo in un mercato globale e questo complica tutto. E quindi ripeto: non ci sono soluzioni in pronta cassa. Bisogna lavorare e vedere in tempo reale tutto quello che si può fare”.

Intanto il Governo apre il dossier sull’ Automotive e mette in calendario, domani, un incontro a Palazzo Chigi sul tema. Non ci saranno le parti sociali ma dovrebbero partecipare il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Roberto Garofoli e i ministri Franco , Giovannini, Cingolani e Giorgetti. Il titolare del dicastero dello Sviluppo economico, durante l’intervento alla Camera di Commercio Italo-tedesca, ha preso una posizione critica sul tema della transizione ecologica e degli obblighi imposti da Bruxelles sullo stop ai motori endotermici: “Non possiamo nasconderci il rischio – ha evidenziato Giorgetti – di conseguenze sociali e occupazionali indesiderate e potenzialmente gravi, in particolare per il settore automotive e per i piccoli produttori, se non saremo in grado di ascoltare gli input che ci vengono dall’industria»”. Il Governo, ha aggiunto, “deve riequilibrare alcuni interventi nell’economia, particolarmente incentivanti nei confronti del settore edilizio, mentre alcuni settori sono stati presi meno in considerazione come l’automotive”.

Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
pippo
pippo
3 mesi fa

Egregi ministro
Non è mai convenuto acquistare una Tesle ,calcolando il costo di acquisto e il costo ricarica ,si va ben oltre il costo km di un auto “normale ” Come non convengono le ibride ,visto il crescente aumento di vendita di benzine
Senza contare che per risparmiare ci sono altri carburanti come metano (fino a ieri pubblicizzato come non inquinante ) o il GPL
Poi ce un altra considerazione ,chi compera un auto elettrica NON dovrebbe guardare tanto al costo al km, può considerare altri combustibili ,ma l essere ecologico Siccome viviamo in un mondo dove comanda la pubblicità ,i polli ci cascano ,per poi pentirsene
Caro ministro ,ecologia con risparmi non ci azzecca ,e questo è solo l inizio Un piccolo consigli ,aumentate il personale al MISE tra poco avrete migliaia di crisi aziendali ,altro che Greta o bla bla bla

mauro
mauro
Rispondi a  pippo
3 mesi fa

L’unico veicolo “ecogreen” si chiama bicicletta