Credito d’imposta, i Gestori avvieranno la procedura di compensazione

Con una nota inviata ai sottosegretari Bitonci e Villarosa le associazioni dei gestori preannunciano che in mancanza dell’approvazione dell’emendamento correttivo che il Ministero ha assunto l’incarico di presentare allo scopo di consentire l’utilizzo del credito d’imposta, si vedranno costrette a dare indicazioni alla categoria di utilizzare in ogni caso il credito d’imposta in parola in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, nei termini previsti dalla legge, in occasione della scadenza del 16 maggio p.v.

Una misura evidentemente necessaria in conseguenza del comportamento assunto dal Ministero che non ha ancora permesso alle associazioni dei Gestori  “di prendere visione del testo dell’emendamento che il Ministero ha assunto l’incarico di presentare allo scopo di consentire l’utilizzo del credito d’imposta”.

Tutto questo, conclude la nota,  “nella convinzione che si possa convenire non essere equo né ragionevole chiedere alla categoria rappresentata una ulteriore dilatazione dei tempi, oltre quella qui prevista e che si somma a quella già passata.”

 

On. Massimo Bitonci
Sottosegretario di Stato
Ministero Economia e Finanze
On. Alessio Mattia Villarosa
Sottosegretario di Stato
Ministero Economia e Finanze

Oggetto: Distribuzione carburanti. Tavolo di concertazione. Credito d’imposta a favore degli esercenti impianti distribuzione carburanti, ex Legge 27 dicembre 2017, n. 205.

Egregi Onorevoli,
facendo seguito alla riunione del 5 marzo u.s., le scriventi Federazioni sono ad evidenziare come, nonostante quanto preannunciato, non sia stato ancora permesso alle medesime scriventi di prendere visione del testo dell’emendamento che il Ministero ha assunto l’incarico di presentare allo scopo di consentire l’utilizzo del credito d’imposta in oggetto.

Di conseguenza, mentre i maggiori oneri si moltiplicano, i gestori dovrebbero ancora attendere per accedere al beneficio che la legge prevede in attesa del suddetto emendamento, senza peraltro avere nemmeno una previsione realistica, se non certa, di quanto tempo debba ancora passare.

Ciò premesso, dovendo necessariamente le scriventi Federazioni tutelare i legittimi interessi rappresentati, come non sfuggirà alle Vostre responsabilità istituzionali, le medesime annunciano che, seppure ancora in mancanza di un suddetto provvedimento, daranno indicazioni alla categoria di utilizzare in ogni caso il credito d’imposta in parola in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, nei termini previsti dalla legge, in occasione della scadenza
del 16 maggio p.v.

Tutto questo nella convinzione che si possa convenire non essere equo né ragionevole chiedere alla categoria rappresentata una ulteriore dilatazione dei tempi, oltre quella qui prevista e che si somma a quella già passata.

Vivissime cordialità.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 0 Vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
pippo
pippo
1 anno fa

Se aveste scritto
Cari (E MOLTO ) onorevoli ,se entro una settimana da oggi , non ci sara’ una risposta positiva riguardo al credito d imposta ,i GESTORI entreranno in SCIOPERO ad oltranza nella settimana di Pasqua
Stanchi di essere presi per il cxxxxlo si ringrazia
Volete capirla cari sindacalisti che i gestori sono stanchi .sono allo stremo ,sono presi in giro e Voi continuate con la solita tiritera ,le solite letterine di babbo natale
Non avete visto come si ottiene qualcosa imparando dai pastori ,i tassisti, i farmacisti ,Si sciopera !!!!! Si lotta per ottenere almeno il rispetto

Alex
Alex
Rispondi a  pippo
1 anno fa

Giusto,
visto che oramai il nostro lavoro oramai è un fallimento totale,
se lavori anticipi gli sconti del azienda al self,
se lavori al servito regali ciò che estorci hai clienti alla tua azienda,
facciamo 3/4 giorni di sciopero durante le feste e i ponti e poi gli spieghiamo le nostre necessità per vivere
e non per morire