Coronavirus, Fegica Campania scrive al Presidente De Luca per denunciare la discriminazione dei Gestori

attends a press conference for the Giffoni Film Festival 2017 at Casa del Cinema on July 6, 2017 in Rome, Italy.

Il Segretario Nazionale Gennaro Caprioli ed il Presidente della Campania, Salvatore Palma, hanno inviato al Presidente della Giunta regionale Vincenzo De Luca una lettera di protesta per l’esclusione dei Gestori Carburanti dalla possibilità di avere il contributo per il sostentamento alle imprese che esercitino un’attività economica sospesa ai sensi dei D.P.C.M. 11 Marzo 2020 e 22 Marzo 2020 previsto dal Decreto Dirigenziale n. 136 del 14.04.2020 pubblicato sul BURC n. 78 del 14.04.2020.

Con D.P.C.M. del 09 marzo 2020, scrive la Fegica Campania, la nostra categoria è stata individuata come un “servizio pubblico essenziale” per poter consentire la mobilità di cittadini e merci di ogni genere in tutte le parti del Paese. Pertanto se la stessa non ha subito per le proprie attività delle vere e proprie sospensioni, a causa delle restrizioni imposte alla normale e libera circolazione e di conseguenza costretta a dover assolutamente garantire il servizio ha visto ridursi i propri erogati ed i propri redditi di circa il 90%;

il Decreto Dirigenziale n. 136 del 14.04.2020 pubblicato sul BURC n. 78 del 14.04.2020 al punto 2. dichiara che possono accedere al sostentamento le imprese, il cui fatturato/volume di affari desumibile dall’ultima dichiarazione fiscale presentata abbia valori compresi tra € 1,00 e € 100.000,00;

il requisito da Voi richiesto e di cui al punto 3) della presente, penalizza ulteriormente la categoria dalla scrivente rappresentata in quanto non ha tenuto conto, nonostante sia pienamente vigente e non abrogato, l’art. 18 comma 10 del DPR 600/73 che definisce le modalità di calcolo del volume d’affari dei Gestori di impianti di distribuzione carburanti al netto del prezzo corrisposto al fornitore. D’altronde dovrebbe essere a Voi ben chiara che la quota che va a formare il reddito dei Gestori non è superiore al 2,5% del prezzo finale in quanto il 65% dello stesso e applicato alla pompa è attribuibile ad Accise ed Iva.

Alla luce di tutto quanto sopra , conclude la comunicazione, se non sanata, “sarà una discriminazione nei confronti di coloro che hanno offerto e stanno offrendo un servizio pubblico essenziale per la comunità tutta, esponendosi per giunta a gravi rischi di contaminazione.” la Fegica chiede quindi una “modifica del Decreto Dirigenziale di cui all’oggetto, o una nota aggiuntiva allo stesso per far sì che anche la categoria dalla stessa rappresentata, i Gestori degli impianti dei distributori di carburante, possa poter usufruire del bonus a fondo perduto di 2.000,00 euro così come tutte le microimprese ed attività commerciali campane danneggiate dal Covidl9.”

Lettera a Vincenzo De Luca 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
10 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
mario
mario
5 mesi fa

tutti i benzinai italiani dovrebbero ricevere quanto stabilito per la campania

Alex
Alex
5 mesi fa

Quando è esploso il COVID 19 in Lombardia eravamo tutti ITALIANI,
le donazioni sono state fatte alla sanità della Lombardia ed eravamo ancora tutti ITALIANI,
hanno investito e stanziato soldi x la sanità del nord ed eravamo ancora tutti ITALIANI,
il fondo perduto è disposto a macchia di leopardo e siamo ancora tutti ITALIANI.
Dal momento che siamo tutti ITALIANI vorrei ricordare ai nostri politici che le regioni Italiane sono tutte uguali ed ogni una ha la sua importanza nel contribuire a reggere la nostra nazione quindi abbiamo tutti le stesse difficoltà e tutti gli stessi problemi.
Noi gestori che abbiamo un reddito basato sui volumi, sulle quantità, noi non abbiamo bisogno di un prestito perché non potremmo mai restituirlo, noi abbiamo bisogno di un fondo perduto, perché fino a quando le nostre partite iva non potranno contare nuovamente su volumi di vendita sostanziosi per poter affrontare le spese di gestione passeranno diversi anni.
Dopo le riaperture prima dovremo affrontare un recesso e poi studiare dei programmi x rilanciare l’economia e dopo forse x chi non sarà defunto ci sarà una ripresa.
Ringrazio la fegica, Gennaro Caprioli e Salvatore Palma x l’iniziativa regionale intrapresa. Se sono troppo grandi i nostri avversari a livello nazionale, dobbiamo scendere in campo ed andare alle regioni, province e comuni.

sconsolato
sconsolato
Rispondi a  Alex
5 mesi fa

tante belle parole ALEX giuste condivido pienamente purtroppo dovremo affrontare un anno molto difficile aiuti sicuramente devono darceli il 30% degli impianti non stava bene prima ora chiuderanno la cosa deve essere immediata non aspettare fatti non parole tasse bloccate fino a fine anno maggior margine e dilazionamenti fatture prolungate !
Non chiedete nessun finanziamento per pagare le tasse non indebitatevi !

mario
mario
Rispondi a  sconsolato
5 mesi fa

le compagnie ed in particolare la EG fanno pompe gost con prezzi che fanno concorrenza ai loro gestori,quindi più gestori falliscono e meglio è per loro

Salvatore Palma
Salvatore Palma
Rispondi a  Alex
5 mesi fa

Alex non so se ci conosciamo o ci siamo mai conosciuti in questi ultimi 26 anni di attività sindacale che ho fatto e sto continuando a fare. Sono io a ringraziare te e ogni collega che si impegna e contribuisce anche con proprie idee, critiche costruttive a non farci sentire soli. Noi siamo un insieme di tante individualità spesso in competizione tra noi e riuscire a fare gruppo o sintesi delle problematiche che ci attanagliano non e assolutamente semplice. Io ci provo e ci proverò sempre perché ritengo che non meritiamo di essere trattati e sfruttati dai proprietari dei nostri pv che essi siano compagnie o semplici privati. Buon lavoro e buona giornata.

gioeni
gioeni
5 mesi fa

non solo i sindacati sono divisi fra di loro in tante categorie… adesso sono suddivisi ulteriormente anche per regioni… NON HO PAROLE.

Salvatore Palma
Salvatore Palma
Rispondi a  gioeni
5 mesi fa

Perché vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto. Anche se questa denuncia, questo grido di dolore e firmato da un sindacato se ci fosse un risultato ne benificerebbe tutta una categoria al di la delle appartenenze, simpatie o chi più ne ha più ne metta come pure e successo in altre occasioni. Certamente se ci muovessimo e reagissimo come un sol uomo i risultati sarebbero diversi. Forse pura utopia?. Noi non molliamo. Salvatore Palma Fegica /cisl

Gennaro Caprioli
Gennaro Caprioli
Rispondi a  gioeni
5 mesi fa

La Regione Campania, e solo questa, ha previsto un contributo una tantum di 2000 euro alle pmi che hanno chiuso per Covid… per questo si è scritto a De Luca come Fegica Campania.
Domani fanno altrettanto altre regioni? E ci regoleremo di conseguenza.

Gennaro Caprioli
Gennaro Caprioli
Rispondi a  gioeni
5 mesi fa

… e scusa Gioeni… questo significa anche essere presente “attivamente” sul territorio… e la Fegica C’E’!!!

gioeni
gioeni
Rispondi a  gioeni
5 mesi fa

il mio vuole solo essere un appunto e un consiglio sulla unione di tutti i sindacati e anche di tutti i benzinai per combattere tutti uniti altrimenti è la fine e una nota a tutti i colleghi “QUNADO SI FA SCIOPERO FACCIAMOLO TUTTI”