Moody’s ha declassato EG Group, la società di stazioni di servizio considerata “altamente indebitata”

Moody’s ha declassato EG Group, la società di stazioni di servizio altamente indebitata i cui proprietari stanno acquistando Asda, citando tra le preoccupazioni il modo in cui riporta il suo onere di debito di 8 miliardi di euro e le questioni di governance che questo mese hanno spinto il revisore della società a dimettersi.

L’agenzia di rating ha affermato che la sua decisione di abbassare il rating di credito di EG, che spinge il debito dell’azienda più in profondità nel territorio spazzatura, si è basata sui suoi “progressi limitati in termini di rendicontazione finanziaria e governance” in quanto si è espanso rapidamente. Moody’s ha anche citato un divario tra i propri calcoli del coefficiente di leva finanziaria dell’azienda basati su numeri verificati e quelli basati sui conti di gestione di EG.

Il downgrade da B2 a B3 è l’ultima battuta d’arresto per l’attività con sede a Blackburn, proprio come i suoi proprietari navigano nel più grande leveraged buyout del Regno Unito in oltre un decennio. Questo mese Deloitte ha lasciato l’incarico di revisore di EG a causa di preoccupazioni sulla sua governance e sui controlli interni, inclusa l’assenza di membri del consiglio esterno. 

“Il downgrade conferma principalmente che i controlli di governance non hanno tenuto il passo con il ritmo della crescita”, ha affermato George Curtis, analista del credito presso TwentyFour Asset Management, aggiungendo che il gestore del fondo ha venduto le sue obbligazioni EG a gennaio, “data l’aggressività del crescita finanziata dal debito che l’azienda stava perseguendo

EG Group, che è di proprietà dei fratelli Mohsin e Zuber Issa e della società di private equity TDR Capital, si è espansa rapidamente negli ultimi anni attraverso acquisizioni finanziate dal debito e ha registrato 20 miliardi di euro di entrate nei suoi conti più recenti. Possiede quasi 6.000 distributori di benzina in Europa, Stati Uniti e Australia.

Sebbene EG non partecipi all’acquisizione di Asda da 6,8 miliardi di sterline, la sua rapida crescita ha spinto i fratelli ei loro sostenitori nella posizione di concludere l’affare. 

“Siamo fortemente in disaccordo con la decisione di Moody’s”, ha affermato EG Group, aggiungendo che il downgrade “non riflette il continuo e ampio investimento nel rafforzamento del business e i significativi progressi compiuti negli ultimi 12 mesi”. Il gruppo aggiornerà gli investitori il mese prossimo, ha aggiunto il portavoce. 

Moody’s ha affermato di aver riconosciuto che non vi erano controversie in materia di revisione o contabilità tra EG e Deloitte e che KPMG era stata ora nominata revisore. La scorsa settimana l’agenzia di rating S&P Global ha dichiarato che il suo rating sulla società è rimasto invariato.

Mentre Moody’s stima che il debito di EG sia 11,4 volte i suoi guadagni prima degli interessi, tasse, deprezzamento e ammortamento sulla base di dati verificati, la cifra basata sui conti di gestione dell’azienda è 7,5 volte, ha detto l’agenzia. Sebbene per molte società vi sia una differenza tra le due serie di cifre, è insolito per un’agenzia di rating segnalare il divario. 

Due degli obbligazionisti del gruppo hanno affermato che le persistenti preoccupazioni in materia di governance e rendicontazione avrebbero probabilmente aumentato il costo del prestito per i fratelli e i loro finanziatori di private equity che stanno cercando di raccogliere £ 4 miliardi attraverso obbligazioni ad alto rendimento e prestiti con leva per finanziare l’acquisizione di Asda .

Il downgrade di EG lascia il debito del gruppo di una tacca sopra la banda tripla C. Qualsiasi ulteriore declassamento renderebbe più difficile per la società raccogliere nuovi fondi da obbligazioni di prestito garantito, veicoli di investimento strutturati dove si sono grandi finanziatori del gruppo, perché i CLO hanno regole severe che rendono più difficile detenere prestiti che portano rating in questa categoria. 

Un obbligazionista ha affermato che il coefficiente di leva finanziaria del gruppo era troppo alto per giustificare il suo precedente rating B2, aggiungendo: “Questa era davvero solo la scusa necessaria per un downgrade”.

“Tra alti tassi di interesse e l’agenzia di rating, il mondo dice che [devono] migliorare il loro profilo di credito”, ha aggiunto l’investitore.

L’ obbligazione del gruppo da 700 milioni di euro che dovrebbe scadere nel 2025 è stata scambiata mercoledì con un rendimento del 7,4%.

Moody’s ha affermato di aspettarsi una riduzione del coefficiente di leva finanziaria del gruppo a 6,7 ​​volte nel terzo trimestre di quest’anno e che EG potrebbe essere ulteriormente declassato se la leva finanziaria aumentasse oltre 7,5 volte a seguito di ulteriori acquisizioni finanziate dal debito.

Fonte: Financial Times

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
9 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
pippo
pippo
1 mese fa

Questi sono i PREDONI che hanno preso in mano il sistema carburanti in ITALIA
Questi sono i nuovi PADRONI con i quali il sindacato va a trattare
Questi indebitati sono il nuovo modello di imprenditori calati in ITALIA per spolparla ,e lasciando ai ns figli l osso
Nessuno si è accorto di chi fossero questi signori ?
Come fanno 2 persone di45 anni partiti dalle baracche ad avere 6500 impianti !!!! chi li foraggia ,chi cè sotto ,Possibile che nessuno sapesse prima di mettere in mano a lor signori 1200 impianti italiani …………dove era il tanto amato dal sindacato MISE ?

GESTORE EG
GESTORE EG
1 mese fa

Dovrebbero dare la possibilità ai gestori, singoli o consorziati, di poter riscattare gli impianti liberandoli dalle compagnie e o multinazionali.
Soltanto in questo modo il governo può ristabilire ordine e trasparenza nel settore, creando opportunità di lavoro, ovviamente con tutte le precauzioni che servono per far si che prevalga la legalità.
Sicuramente questa sarebbe una mossa molto gradita al popolo, sia in termini di posti di lavoro che in termini di trasparenza, abolendo la truffa del self-servito che ha distrutto, a beneficio delle compagnie e multinazionali, l’immagine del GESTORE (persona umile, seria e corretta).
Questo significa fare gl’interessi del POPOLO e non dei potenti, sfruttatori, predatori …. e qualcuno direbbe anche: LADRI.

Last edited 1 mese fa by GESTORE EG
mario
mario
Rispondi a  GESTORE EG
1 mese fa

caro collega io sono un gestore EG come tu,quando anni fà il decreto Bersani liberalizzo il sistema della distribuzione,io proposi al sindacato qui a Parma di mettere nei nuovi contratti la clausola, che qualora la società vendesse la rete il gestore avesse la priorità d’aquisto come in agricoltura nella vendita dei fondi agricoli,l’assemblea dei gestori fu contraria,quindi non fu proposta

Esso
Esso
Rispondi a  GESTORE EG
1 mese fa

se hai tutti questi soldi per riscattare l’impianto cambia lavoro !

pippo
pippo
Rispondi a  GESTORE EG
29 giorni fa

Caro gestore EG ,gli impianti non si riscattano ,si comperano ,e generalmente si comperano a debito ,devi avere qualche banca che TI creda e ti presti i soldini ,ERGO sarai indebitato a vita
Per la legalità e ordine e trasparenza ,ci dovrebbe pensare lo stato e il sindacato ,non il gestore
La truffa del self Servito si può eliminare da subito ,basta non farla ,ma siccome moltissimi gestori sono “stupidi” rendendosi complici dei ladri .

Rosario
Rosario
1 mese fa

E cosa dice adesso Mr Bickerstaffe?

Giorgio
Giorgio
1 mese fa

E Mr Ilyas Munshi, fa ancora la sua solita passeggiata mattutina prima di andare in ufficio? Mashallah!

Esso
Esso
1 mese fa

chissa’ un ritorno ESSO !!!!

Piero
Piero
1 mese fa

Conoscendo due TM del mio PV, adesso diranno meglio “ tanto mi mancano tre anni alla pensione”!!! Invece al nuovo AM auguriamo “buon vento”!!! Surfa che é meglio!