De Toma, pubblicizzare pompe bianche discrimina operatori onesti

Anche il promotore della risoluzione per la riforma della rete carburanti, onorevole Massimiliano De Toma (risoluzione 7-00258 De Toma), esprime il suo forte dissenso sulla trasmissione Unomattina, relativamente alle indicazioni sull’utilizzo dei cosiddetti distributori no logo.

In una nota il prlamentare scrivhe che “è assolutamente da stigmatizzare l’informazione verso i consumatori andata in onda oggi in un programma di Rai1 che incentiva l’utilizzo dei distributori no logo come rimedio per risparmiare sulla benzina e sul gasolio.”

“La trasmissione del servizio pubblico, continua De Toma, forse ignora che le pompe bianche possono vantare prezzi più vantaggiosi rispetto agli altri distributori spesso grazie alle ripetute frodi ai danni dello Stato. Reati che vanno dall’evasione dell’Iva a numerose altre truffe nel settore, che alterano gli equilibri della concorrenza. Pubblicizzare i distributori di benzina indipendenti significa quindi alimentare l’illegalità diffusa che spesso li caratterizza e se questo viene fatto dalla rete del servizio pubblico la discriminazione versi i tanti operatori onesti diventa ancora più inaccettabile”.

Preset with id 8 does not exist!
Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Claudio
Claudio
3 mesi fa

Il canone rai viene pagato da tutti, nello specifico è stato dato un dato agli automobilisti. Poi ognuno tragga le sue conseguenze. Che dire di una compagnia che pubblicizzava un prodotto + ( Cioè migliore degli altri prodotti in commercio ) per poi subire una multa perché il prodotto era un prodotto normale. Questo come lo possiamo definire?

max
max
3 mesi fa

E come sempre la nostra categoria resta divisa, per la gioia di compagnie petrolifere e retisti (fategli fare la guerra tra di loro) cosi noi (compagnie petrolifere)continuiamo con una politica scellerata a discapito dei benzinai.
Su molti punti non sono in linea con il sig timpani, ma addossare tutte le colpe al sindacato è trovare il colpevole e non farsi un mea culpa.
Quello che trovo scandaloso non è tanto la pubblicità ai non logo , ma che nessun organo televisivo o parlamentare si sia posto la domanda sugli sconti tra servito e self che raggiungono anche i meno trenta centesimi di differenziale, e proprio su quel differenziali non si apra un capitolo che spieghi come vengono ripartiti.
Penso che sia arrivato il momento di tornare uniti e lottare per i nostri diritti più volte calpestati,ma la soluzione non è quella delle chiusure come anni fa perche oggi non può più funzionare,ma trovare tutti insieme modi che non danneggino le tasche dei gestori ma quelle delle compagnie.

Alex
Alex
3 mesi fa

Il vero problema lo conoscono tutti, le pompe bianche si riforniscono dalle stesse compagnie, se riescono a fare un prezzo tanto più appetibile x il cliente vuol dire che il 50% del differenziale del prezzo si perde dal deposito dove entrambi (pompe bianche e distributori convenzionati) vengono riforniti in poi.
Dal momento che dal rifornimento hai depositi in poi ci sono alcune spese obbligatorie x entrambi, la perdita è subito trovata.
Tanto x non essere troppo raffinati, la compagnia non deve essere un polmone dove andare a parcheggiare tanti figli di papà x dargli un incarico. Per portare i fogli di carta da un ufficio all’altro non serve un laureato con 110 basta un ragioniere.
Tante figure inutili vanno eliminate perché vista la loro inutilità, x dare il senso del loro contributo all’azienda, non fanno altro che distorcere le informazioni ed infangare il gestore.
Vi hanno convinti talmente tanto che non valete una minchia che quando arrivano vi fanno sentire persino in colpa delle loro politiche fallimentari.
Vedi vaucher chi li riscuote ??
A chi vengono assegnati ??
Il gestore cosa ottiene in cambio e a che prezzo ??
Quanti gestori hanno problemi di riscuotere il denaro da lui anticipato x nome e x conto dell’azienda ??
L’azienda proprietaria del più potente computer al mondo ha queste difficoltà ??
Molti dipendenti pubblici non servono a nulla allora ingolfano la burocrazia x potersi rivestire di carattere e così sono tanti OPERAI nell’interno delle compagnie.
Questo è il 50% del differenziale di prezzo al self.