Allarme di Staffetta Quotidiana, “c’è un problema con l’Osservaprezzi”

Avevamo avuto modo di segnalare alcuni problemi in occasione dell’entrata in funzione del nuovo portale dell’osseravatorio prezzi dei carburanti (Link) . Oggi, con una lettera a Staffetta Quotidiana, la Automigliorgas di Perugia segnala un incongruenza tra i prezzi inseriti e quelli che vengono pubblicati nella pagina pubblica dell’osservatorio.

L’ Automigliorgas scrive; “Questa mattina (ieri, ndr), collegandoci al sito per controllare i prezzi dei nostri impianti, abbiamo notato come quelli riportati dall’Osservatorio non coincidessero con quelli da noi inseriti in occasione dell’ultima comunicazione di venerdì 25 marzo; oggi 30/03/2022 alle ore 11:30 circa abbiamo prontamente provveduto ad inserire di nuovo i prezzi corretti, con tanto di ricevute di ricezione, ma, subito dopo, controllando nuovamente abbiamo visto come la modifica non fosse stata eseguita riportando prezzi fuorvianti e non corrispondenti alla realtà.

Abbiamo segnalato la questione tramite mail osservaprezzi@mise.gov.it (unico canale a noi riservato) ma al momento i prezzi inseriti risultano ancora errati. Già dalla settimana scorsa, in occasione della fusione dell’Anagrafe Carburanti con le anagrafiche dell’Osservatorio Carburanti, si erano creati disservizi ma a questo punto ci troviamo in una situazione che ci mette a rischio di sanzioni da parte degli organi competenti oltreché ci sta creando un danno d’immagine non indifferente.

In un momento come questo dove l’Osservatorio Carburanti viene pubblicizzato come strumento alla portata di qualsiasi utente per scoprire in anteprima i prezzi praticati dagli impianti, quanto pubblicato deve corrispondere al vero altrimenti si rischia di creare ancor più confusione e screditare operatori che lavorano onestamente”.

Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
davide
davide
1 mese fa

anche io ho problemi da giorni col portale, e non serve a niente scrivere all’osservatorio. non riescono a risolvere gli errori