Chiarimenti sulla corretta comunicazione delle giacenze alle Dogane

Con questo articolo cerchiamo di chiarire quale sia la procedura corretta per la comunciazione delle giacenze prevista dalla direttiva divulgata dall’Agenzia delle dogane con la determinazione del 29 settembre scorso Prot. 439237/R.U

La rilevazione delle giacenze e la sua trasmissione deve essere effettuata secondo le direttive delle dogane utilizzando l’allegato 1 presente nella determinazione del 29 settembre e che riportiamo alla fine di questo articolo. La comunicazione va poi inviata entro la data del 12 dicembre 2022 a mezzo PEC all’Agenzia delle Dogane competente per territorio.

Come indicato nell’articolo 3 le giacenze fisiche di Benzina, Gasolio e GPl , e di gas naturale usato per autotrazione giacenti nei serbatoi del deposito o dell’impianto usati come carburante vanno rilevate alla fine della giornata del 30 novembre 2022 e annotate nel modello allegato 1 richiamato in precedenza. A questa procedura va aggiunta l’effettuazione dell’inventario straordinario fatta per la determinazione delle giacenze fisiche annotando sul registro di carico e scarico (solo) l’indicazione dell’eccedenza o della deficienza riscontrata. 

Si consiglia, per un eventuale riscontro, di tenere traccia dell’inventario in modo da giustificare l’effettiva correttezza dei dati trasmessi. 

DETERMINAZIONE DIRETTORIALE Prot. 439237/R.U

Allegato 1 per la trasmissione delle giacenze 

Sottoscrivi
Notificami
guest
6 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Guido
Guido
1 mese fa

personalmente ho usato la stessa procedura di marzo,perchè complicare la vita.

Giovanni
Giovanni
Rispondi a  Guido
1 mese fa

Non è complicarsi la vita ma fare le cose secondo le direttive degli enti preposti, in questo case le agenzie delle Dogane. Se tutti facessimo come cavolo ci pare usando ognuno il proprio modello creeremo solo confusione a non saremmo nella regolarità delle direttive richieste…

Antonio
Antonio
Rispondi a  Giovanni
1 mese fa

Quando abbiamo abbassato i prezzi ci è stato ordinato di abbassare subito e basta i chiarimenti a noi non c’è li hanno mai forniti se non erro

Antonio
Antonio
Rispondi a  Antonio
1 mese fa

Adesso va a finire che se sbagliamo a mettereun apostrofo qua o ina sillaba di là diventiamo soggetti sanzionabile..povera italia

Franco
Franco
Rispondi a  Antonio
1 mese fa

Non è sbagliare a mettere un apostrofo ma se vengono dettate delle regole sarebbe meglio attenersi a quelle. Poi siamo tutti liberi di fare quel che si crede, da buoni italiani…

Guido
Guido
Rispondi a  Franco
1 mese fa

a marzo c’erano delle regole e per coerenza ripeto l’invio con le stesse modalità entro la tempistica (12/12).