Gestori Esso della Liguria: Situazione sempre piu’ grave con la nuova proprieta’ E.G.

“Abbiamo raggiunto un accordo con Euro Garages, nuova proprietaria del marchio Esso nella nostra regione e non solo, al prezzo di sacrifici economici e non, con la rinuncia ad oltre 11000 euro di guadagni previsti dal precedente accordo con Esso per gli oltre 1700 punti vendita di Liguria, Piemonte, Lombardia, Emilia Romagna, Sardegna, Calabria, Sicilia e parte del Veneto e alla riduzione generalizzata dei margini – afferma Fabio Bertagnini, Presidente Faib-Confesercenti di Genova -.

Nonostante questo, gli impegni presi da Euro Garages non vengono rispettati, nonostante gli incontri e i tavoli che si susseguono da oltre un anno. Nessuno degli investimenti promessi, nero su bianco, è stato realizzato, anzi in molti casi la manutenzione degli impianti è estremamente carente, se non assente.

Il malessere ormai dei colleghi è forte e tangibile – prosegue Bertagnini – anche perché ai ritardi sul versamento delle note di credito per gli sconti accordati sul servito da Euro Garages, fermi ormai ad ottobre, dal primo gennaio si è aggiunto il blocco degli accrediti delle vendite effettuate tramite carte carburante Esso Card. Parliamo di una cifra tra i 10 e 12 mila euro per impianti la cui clientela ha un basso utilizzo, per arrivare ad impianti che erogano l’80% con Esso Card ed aspettano a questo punto oltre 100 mila euro di incassi, venendo in questo modo letteralmente messi in ginocchio dalla situazione.

Per questo i gestori degli impianti stanno cominciando a rifiutare il pagamento con carte Esso, generando forti disagi per la clientela. E’ del tutto evidente – conclude Bertagnini – che questa situazione è diventata insostenibile, Euro Garages deve cambiare passo e mantenere gli impegni presi, altrimenti non c’è futuro”.

Lascia un commento

avatar
  Sottoscrivi  
Notificami