I Gestori della sardegna associati ad ANGAC proclamano lo sciopero 8,9 e 10 luglio

Con una comunicazione a società petrolifere e istituzioni il legale rappresentante della neonata associazione dei Gestori , ha proclamato uno sciopero dei gestori della regione Sardegna. La vendita di carburanti, nei distributori aderenti, avverrà solo nella modalità self-service per i giorni 8, 9 e 10 Luglio. 

Lo sciopero, si legge nella comunicazione, è una conseguenza delle rivendicazioni già denunciate nelle precedenti comunicazioni, vista “l’insostenibilità della gestione dei distributori di
carburante 
si chiedeva l’apertura immediata di singoli tavoli di trattative con ogni compagnia per permettere di raggiungere condizioni di lavoro accettabile”

Tra i vari punti richiamati ci sono;

  • il risicatissimo margine riconosciuto al gestore nella vendita dei carburanti non permette di adempiere alle molteplici mansioni ed adempimenti che l’attività richiede e non permette di assumere dipendenti che lo coadiuvino in queste attività;
  • la mole di lavoro e degli adempimenti risulta essere impossibile da sostenere dal gestore singolo;
  • le compagnie determinano il prezzo di acquisto e di vendita dei prodotti da parte del gestore, eliminando qualsiasi decisione, incompatibilmente con un’attività libero-imprenditoriale;
  • il rapporto giuridico intercorrente tra la generalità dei gestori e tutte le compagnie intimate, a queste condizioni e anche alla luce del mancato rispetto delle condizioni contrattuali della contrattazione collettiva, è più assimilabile ad un rapporto di lavoro subordinato e/o comunque parasubordinato;
  • anche per le motivazioni economiche suddette, non è possibile svolgere tale attività lavorativa nel rispetto di tutte le normative sulla sicurezza sul lavoro e nel rispetto del principio costituzionale di cui all’art. 36 della Costituzione;
  • la precedente richiesta di apertura di un tavolo di trattative non è stata nemmeno riscontra da nessuna delle Compagnie petrolifere alle quali era stata inviata;

Tanto premesso il Direttivo dell’ANGAC ha deliberato di PROCLAMARE uno sciopero nell’ambito della regione Sardegna che prevede la vendita di carburanti, nei distributori aderenti, con la sola modalità self-service per i giorni 8, 9 e 10 Luglio 2019.

Per tutte le comunicazioni fare riferimento alla mail dell’ANGAC angacnazionale@gmail.com, ovvero alla pec angac@pec.it 

  • 140
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 0 Vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
43 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
pippo
pippo
1 anno fa

Questo potrebbe essere la tempesta perfetta
Vorrei che il sindacato gestori dicesse :bene mettiamo da parte ,senza se e senza ma i vari punti di vista politica e unitariamente facciamo anche nostre le rivendicazioni dei gestori della Sardegna e SCIOPERIAMO anche noi ,solo che Noi invitiamo i gestori a chiudere tutto self bar e lavaggi 3 gg non muore nessuno
Questo farebbe tremare il culo alle petrolifere ,difficilmente lo squalo attacca un branco di sardine unite

anonimo
anonimo
Rispondi a  pippo
1 anno fa

le sardine stavolta sono avvelenate

anonimo
anonimo
1 anno fa

io sono veneto ma vi appoggio 8/9/10 luglio da me solo s.s. così la ip lo sconto del s.s. selo paga di tasca sua…

Timpani
Timpani
1 anno fa

Ma mi chiedo : è uno sciopero del servito cioè gli impianti sono aperti ma il cliente si fa’riforninento da solo e paga dopo ? Gli impianti sono ” chiusi” e funionano solo con il pre pay ? E questa sarebbe la “grande battaglia ” , la “madre di tutte le guerre ?

Stefy Frau
Stefy Frau
Rispondi a  Timpani
1 anno fa

Salve Signor Timpani..è uguale a quello da voi proclamato il 1 Maggio ricorda? Con la differenza che non sarà un giorno festivo,cioè quando l’80% degli impianti sono già in self,ma durante la settimana ,esattamente 3 giorni lavorativi….per noi….Saluti

Stefy Frau
Stefy Frau
Rispondi a  Timpani
1 anno fa

È uno sciopero del gestore, non del servito. A differenza dello sciopero della triade che prevedeva la presenza del gestore sul piazzale in quanto per i sindacati il valore del gestore è meno di due euro all’ora, questo è il risultato della gestione in base agli accordi da voi firmati, per noi invece che stiamo tutto il giorno esposi alle intemperie e condizionati dal tempo piuttosto che come voi dagli split, valiamo di più, ed è per questo che abbiamo iniziato una serie di scioperi con chiusura dell’impianto e con l’assenza del gestore. Poi vedremo quanto farà piacere alle compagnie vedere i nostri cartelli appesi alle serrande chiuse. SFRUTTATI DALLE COMPAGNIE

Ugo
Ugo
Rispondi a  Timpani
1 anno fa

Caro Timpani, tu sei un responsabile di una delle cosiddette sigle di categoria piu rappresentative, ANGAC e una associazione di gestori disperati, sull’orlo del fallimento a causa di politiche commerciali disastrose che voi avete sottoscritto. Anziché schierarti al fianco dei gestori disperati vai ad attaccare ogni loro azione per salvarsi dal baratro .. Caro Timpani sai cosa penso? Che voi non volete il bene della categoria ma semplicemente la vostra bella poltrona ….

anonimo
anonimo
Rispondi a  Timpani
1 anno fa

timpani sono un gestore ip se io sciopero e metto in pre pay lo scontone selo paga la ip ….quello che conta è dannarli e ridurre alle compagnie il loro guadagno…

Maria Cireddu
Maria Cireddu
1 anno fa

Oggi mentre uscivo di casa ho notato che una lucertola era finita nel secchio dell acqua del mio cane è l’ho osservata mentre cercava di uscire per non annegare, saltava sui bordi e ricadeva poi cercava di risalire cercando di mordere i bordi e infilando gli artigli, ma poi ricadeva nell acqua, disperata e arrabbiata. Ho dato un calcio al secchio per rovesciarlo e salvarla e sono andato via, e ho dimenticato. Poi ho letto il suo post e lei con le sue parole mi ha ricordato la scena, che buffo. Le auguro di trovare anche lei un piede buono che rovesci il secchio in aiuto ai gestori.

Timpani
Timpani
Rispondi a  Maria Cireddu
1 anno fa

Ma quanto livore, quanta rabbia e quanta confusione. Grazie del paragone della lucertola : almeno a 62 anni sino paragonato ad un essere vivente che lotta ancora. Perche voi cari gestori figli del benessere e figli della comodita’ non avete minimamente idea delle lotte negli anni precedenti. E arrancate su soluzioni basta che il nemico sia il sindacato. Non avete il coraggio oltre che insultare a parole di capire cosa fare . Perche’ “fare” qualcosa di concreto significa rischiare. Dove rischiate , cosa siete dsposti a rischiare ? E adesso gi lascio ai vostri secchielli pieni di acqua. Ma vi credete che con tre giorni di self riuscite a scalfire qualcuno o qualcosa? Avete solo un vantaggio : quello di essere sempre pronti ad infamare e poi ritirarsi per non rischiare troppo le proprie nobili terga

Moreno Parin
Moreno Parin
Rispondi a  Timpani
1 anno fa

Ciao Roberto, mi sa che anche tu non scherzi con il livore, sai che non sono d’accordo con certe offese, te la prendi per il paragone della lucertola, che non è poi male come esempio, potrei elencarti certi paragoni che mi sono preso nel passato, e per non dimenticare li ho conservati. Io sono abbastanza “vecchio” per ricordare le lotte del passato, ma proprio per questo capisco il presente, o almeno credo di capirlo. Certo che mi sarei aspettato altre reazioni da parte di chi si sente insultato, ma non le vedo, anzi. Qualcosa di nuovo è partito, facciamocene una ragione, poi il tempo dirà se sarà stato un bene o un male, io la sfera magica non la posseggo, però un tantino fiducioso lo sono.

Timpani
Timpani
Rispondi a  Moreno Parin
1 anno fa

Noi non aspettiamo il 2020 per la scadenza dell’accordo eg. Per me si puo’ disdettare anche subito. Dopo che succede. Certo che quei signori o signore che parlano dei sindacalisti integerrimi di alcuni anni fa non si ricordano che, magari senza tanto clanore, c’ero anche io . Ancora insisto che sciopero è in sardegna per i prossimi giorni ? Simbolico, metaforico ? Che razza di sciopero è ? E che si vuole ottenere ? Quel gestore che ha perso migliaia di euro li può recuperare. Chi lavora per 13 ore al giorno ha un futuro con lo sciopero dei prossimi giorni ?

pippo
pippo
Rispondi a  Timpani
1 anno fa

Lei che parla di “che razza di sciopero è “?
AO !!!!! timpani &co il massimo dello sciopero che avete fatto è di un giorno per disdirlo 24 ore dopo
ma crede di aver a che fare con dei coglioni !!! se al sindacato non crede piu nessuno ci sara un motivo o la colpa è ancora nostra
Sto ancora aspettando che mi elenchi i risultati positivi avuti dal sindacato negli ultimi 20 anni e non ci vuole un papiro MA UN POSTIT
Io dopo 30 anni di gestore mi sento un fallito perche non sono migliorato come dovrebbe essere ,complici compagnie P BIANCHE E sindacato

Roberto Timpani
Roberto Timpani
Rispondi a  pippo
1 anno fa

sei distratto caro Pippo. in altre risposte su altri argomenti ho già indicato i risultati. poi se mi dai la tua posta elettronica ti faccio un elenco dettagliato. Ti basti solo sapere adesso che, per chi ha deciso di andare in giudizio, negli ultimi 5/6 anni, il cretino che ti risponde – che sarei io – ha individuato con i colleghi un filone di contenzioso – l’abuso di dipendenza economica – di cui oggi i nuovi azzeccagarbugli si riempiono la bocca. Una legge del 1998 che nessuno conosceva e che consente adesso di avere dei successi nei tribunali. Aggiungo, per chi vuole capire senza pregiudizi, che basterebbe il bonus fiscale dal 1991 ad oggi e l’accantonamento del bonus di fine gestione. E se non ti basta, senza enumerare il resto, non posso farci nulla. la nostra categoria è riuscita a produrre una mole di leggi e di tutele non paragonabili ad altre categorie di lavoratori autonomi e no. Senza troppi clamori forse e senza dover ogni volta rinfrescare la memoria. E cio’ vale per chi non ha pregiudizi ovviamente. Poi, come ho sempre detto, che il Sindacato abbia delle colpe non lo nego. E la prova è che per questo che rispondo, a volte polemico a volte no, ai vostri messaggi. Diversamente, non risponderei. Il Sindacato, almeno il nostro, è composto da gestori, non di animali attaccati alle poltrone. E cerca anche di essere responsabile, senza troppi slogan, ma guardando alle famiglie che ci sono. Puoi crederci o no.

pippo
pippo
Rispondi a  Roberto Timpani
1 anno fa

L unica cosa che sa produrre è il bonus fiscale di 28 anni fa e una legge che se vai in tribunale ti protegge altrimenti no ,il resto ? in 28 anni mi sembra un po pochino ,ma se vuoi ti scrivo io cosa non avete per ridurci alla “schiavitù”
28 anni fa con un p v da 5milioni di litri !!!!!!! vivevo io e 3 dipendenti ,oggi sto pensando di chiudere .Che cazzo di progressi MI hai fatto fare !!! Smettila di arrampicarti sugli specchi ,i comitati spontanei che TU critichi almeno tentano di fare qualcosa ,e visti i VS danni dovranno avere delle palle quadrate per rimediare
LO sciopero : spero che la prossima volta chiudano i p v .compreso i self ,intanto ,anche se scioperassero contro la pulizia del vetro ,obbligata dalla esso !!!! senza nessuna vs presa di posizione ,sarebbe un successo

anonimo
anonimo
Rispondi a  Timpani
1 anno fa

ho notato che gli autoproclamati proprio non li digerite….

Roberto Timpani
Roberto Timpani
Rispondi a  anonimo
1 anno fa

e no infatti. Facile dire che ci vogliono dieci centesimi e si urla che tutto deve cambiare senza indicare come e con quali obiettivi. Cosi’ sono bravi tutti. Farei 20 mila tessere se dicessi che non bastano 10 centesimi, ce ne vogliono 20 e dicessi che bisogna fare la rivoluzione. Piuttosto, a che ora è la rivoluzione ? Dove ci vediamo ? sotto il Colosseo a Roma o sotto il Duomo a Milano ? o a Baia Sardigna ? e in quanti siamo ? e che facciamo ? Oppure stiamo a cambiare i soldi ai clienti che li devono mettere nell’accettatore di banconote e cosi’ capiscono che stiamo “veramente” ma veramente in sciopero ?

Timpani
Timpani
Rispondi a  Moreno Parin
1 anno fa

Mi stpisco di te caro Moreno. Gli fai fare uno sciopero “finto” ? Il self nei tre giorni pet fare che ? E credi veramente che sia una arms vincente ?

Moreno Parin
Moreno Parin
Rispondi a  Timpani
1 anno fa

Veramente sarei io a dovermi stupire di te, ma non siete stati voi, la triade, a proclamare per primi lo “sciopero del servito” o sciopero bianco, dello scorso primo maggio? I sardi fanno lo stesso con un nome diverso, dove sta la differenza? Poi non riesco a capire del perché dici “Gli fai fare uno sciopero “finto” ” io non gli faccio fare nulla, fanno da soli, potrà anche non piacerti ma è così, certo che se mi chiedono, i sardi o altri, un parere lo do volentieri, ma un parere non è un’ordine, comunque continuate pure così ma poi non lamentatevi se i gestori vi lasciano. Su una frase detta da Di Vincenzo ho scritto due righe, il gestore del sito non ha ritenuto di pubblicarle, almeno per ora, ma le trovi sul sito della Gisc_TV http://www.gisctv.it e se vuoi te le invio

Roberto Timpani
Roberto Timpani
Rispondi a  Moreno Parin
1 anno fa

Caro Moreno, piaccia o no, tu vieni indicato come il “Consigliere” degli autoconvocati ed anzi, se ti ricorsi bene, ti ho anche scritto che ne ero compiaciuto perché la tua presenza avrebbe sicuramente contribuito a scelte ragionate e mirate. Ti sei fatto pure fotografare con loro al Ministero. Quindi, ti tocca prenderti gli onori ed anche gli oneri. Sullo sciopero del servito, mi pare infatti che la idea era la nostra o come ci chiami tu della ” triade”, linguaggio fascista usato anni fa per indicare Cgil, Cisl Uil. Direi che un linguaggio che non ti si addice. Ma forse non capisco la modificazione delle idee in atto, non solo nella nostra categoria. Ed allora veniamo al punto : Se è sciopero del servito, bisogna dirlo apertamente, non giocare con le parole. Quindi : gli autoconvocati ( a proposito, tu che sei bene informato, ma quanti sono gli impianti esistenti in Sardegna ? giusto cosi’ per non sbagliare..) gli autoconvocati sardi fanno lo sciopero del servito e cosa fanno ? accendono l’accettatore e stanno sugli impianti ? E se è cosi’perchè SOLO tre giorni ? se si vogliono colpire le aziende petrolifere ed i retisti che lucrano sul differenziale, si va avanti non ci si ferma. Noi abbiamo sospeso questa iniziativa ma perché ne abbiamo aperte altre . Ma l’idea, che nasce dalla “triade”, è buona per me.

anonimo
anonimo
Rispondi a  Roberto Timpani
1 anno fa

infatti xchè è stata sospesa e cosa avete aperto?

Roberto Timpani
Roberto Timpani
Rispondi a  anonimo
1 anno fa

Al momento e non mi pare poco, la vertenza con l’Italiana Petroli, con volantinaggio il 4 giugno, sciopero nazionale con successo il 5, convocazione del Sindacato il 10 pomeriggio al Mise, convocazione dell’azienda il 19 scorsi. Vertenza con il Mef sui nuovi oneri gravanti sui gestori. La Faib ha proclamato uno sciopero generale contro il Fisco. Noi abbiamo avuto solo la perplessità che a metà luglio riesce difficile ottenere un discreto successo. ma non ci sottraiamo.

anonimo
anonimo
Rispondi a  Roberto Timpani
1 anno fa

manda una disdetta collettiva

Stefy Frau
Stefy Frau
Rispondi a  Timpani
1 anno fa

Signor Timpani noi ci abbiamo rimesso in tre anni 70 mila euro…cioè le nostre terga…non ci rimane più nulla..lei che parla di comodità e benessere…si devono solo provare per capirle queste cose…cioè trovarsi affossati dai debiti lavorando 13 ore al giorno….

Francesca Sanna
Francesca Sanna
Rispondi a  Timpani
1 anno fa

Veramente non c’è limite alla sua presunzione e alla sua mancanza di rispetto. Fossi in lei mi vergognerei anche solo di rispondere. Il vostro operato è sotto gli occhi di tutti e lei e i suoi degni compari siete gli artefici di un fallimento nazionale di una categoria che una volta era benestante, quando ai vertici dei sindacati vi erano persone integerrime e veramente votate alla difesa del gestore, ma non si rende conto di quanto è ridicolo nelle sue affermazioni oltre che offensivo, io non sono iscritta con la sua sigla me se lo fossi 2 righe a chi potrebbe scaraventarla giù dal suo scranno le farei, mi auguro che tutti i colleghi che le c’erano le quote tornino sui loro passi, e la costringano a dimettersi, lei non può e non dovrebbe rappresentate gente che lavora 13 ore al giorno con tutti i climi, lei con la sua irriverenza verso chi le paga lo stipendio dovrebbe stare altrove. Le ricordo che a luglio 2020 scadrà l’accordo capestro che avete firmato con EG , vediamo come vi inchinerete nuovamente, e come rimedierete ai vostri errori.

Timpani
Timpani
Rispondi a  Francesca Sanna
1 anno fa

Io rispondo perché voi avete la presunzione di rappresentare tutto il mondo. Quibdi rispondp perche ci sono gestori che la pensano diversamente da voi che vi credete a centro del mondo. Lasci che siano gli altri gestori a decidere. Per fortuna non mia, perché dopo 36 anni di sindacato non devo certo certificare a lei nulla, ma per fortuna di molti gestori esistono ancora delle menti capaci di perseguire degli obiettivi. Non la faccia la tessera. Segua le sirene e le chimere . Dopo lo sciopero finto dei prossimi giorni che fate ? Quali sono le strade ? Quali gli obiettivi, quali tattiche adottare. ? Cara signora io me ne posso andare da subito , ma voi a chi affidate il vostro consenso ? A chi affidate le vostre speranze ?

Elisa Carta
Elisa Carta
1 anno fa

Lo sciopero è del gestore, che NON sarà sull’impianto. Il danno che si fa alla compagnia è innanzitutto d’immagine, col cartello SFRUTTATI DALLE COMPAGNIE PER MENO DI 2 EURO ALL’ORA è una bella pubblicità per i turisti che affollano le strade della nostra isola. La differenza con i vostri scioperi è che col vostro pretendete la presenza del gestore sull’impianto perchè per voi il gestore vale meno di niente, per noi l’impianto è chiuso e il gestore ha il tempo di farsi una giornata per arrotondare le sue misere entrate. La responsabilità vostra è quella di aver firmato accordi nazionali a vantaggio unilaterale delle compagnie, alle quali si dice da più parti, ma ormai è evidente, siete venduti alle compagnie

Roberto Timpani
Roberto Timpani
Rispondi a  Elisa Carta
1 anno fa

Se non fossi convinto del fatto che un gestore va’ tutelato sempre e comunque, anche quando sbaglia, cara Signora Carta, dovrei denunciarla per le vomitevoli parole che lei indirizza a me e quindi alla mia Federazione. La lascio nel suo sproloquio che dimostra pero’ che non andrete molto lontano se gli autoconvocati la pensano e si esprimono come lei. Lei non sa nulla della mia storia personale e della storia di questa Federazione come probabilmente sa poco della storia di questa categoria. Io continuo a dire che gli autoconvocati fanno bene al dibattito e al confronto anche duro a volte ma che se continuano ad infangare e oltraggiare – come lei amabilmente fa’ con una rabbia che andrebbe diretta altrove – siete perdenti e avrete un ennesimo fallimento, utile solo a chi, la vera controparte, se la gode affacciato alla finestra. Se non fossero stai dei grandi sindacalisti e io non sono certamente fra questi, lei oggi non starebbe qui a offendere. Sarebbe “morta” metaforicamente come il resto della categoria tanti ma tanti anni fa’, come è successo ai piccoli commercianti. Buona fortuna a lei e a chi si crede sempre nella ragione. Io almeno ci ho provato a farvi ragionare. Continuo a dire che ci vorrebbe un sindacato per ogni gestore, ma per difenderlo da sé stesso.

Elisa Carta
Elisa Carta
Rispondi a  Roberto Timpani
1 anno fa

Infatti abbiamo visto come avete tutelato la categoria riducendoci allo stato in cui ci troviamo oggi. Quello che state facendo è ancora più evidente, proclami di finti scioperi lasciati cadere nell’oblio per non scontentare le compagnie. Proclami caduti nel niente di margini da almeno 5,5 per dire no ai margini da fame che voi stessi avete firmato. Le uniche iniziative il bonus pos da riversare sui contribuenti, non sia mai scomodare le lobby delle banche, che poi pagherà per intero il gestore che non ha crediti in compensazione, e le lotte dello sciopero del 17 contro la fiscalità. Ma per il margine misero? iniziative? almeno 5,5 di cui non si parla più? NIENTE perchè voi NON farete MAI NIENTE CONTRO LE LOBBY PETROLIFERE!!! State calmi che intanto i gestori che tanto dite di tutelare son sfruttati peggio del peggior sfruttamento contrattualizzato che si conosca firmato dalle vostre ignobili firme

anonimo
anonimo
Rispondi a  Elisa Carta
1 anno fa

io metto in s.s e lo sconto sul s.s.selo paga la ip:sul piazzale ci sto se ho auto al lavaggio xchè quei soldi lì mi vengono in tasca aME,ALTRIMENTI STO AL BAR….POI X QUANTO RIGUARDA LA PROTESTA COME GIà DETTO DISDETTA COLLETTIVA CAUSA X ECC. ONOROSITà SOPRAVVENUTA RISOLUZIONE DEI CONTRAtti e…intanto chi anticipa alle società i soldi dei carburanti’?chi anticipa allo stato le accise e l iva?le pompe bianche che buona parte hanno il prodotto di contrabbando?non dobbiamo aver paura gestori non ne trovano….

Roberto Timpani
Roberto Timpani
Rispondi a  Elisa Carta
1 anno fa

E allora gentilissima Signora Carta, lei o meglio gli autoconvocati cosa proponete ? e soprattutto come ? noi stiamo preparando, al di là degli scioperi indetti e poi revocati ( a mia memoria c’è stato solo quello del 27 giugno dell’anno scorso per far spostare la fattura elettronica al 1 gennaio 2019 quando appunto Di Maio ci ricevette ed accolse la nostra posizione) voi che fate ? voi che siete cosi’ “liberi e vergini ” e volete combattere le lobby bancarie e petrolifere, che cosa state facendo ? lo sciopero del servito per 3 giorni ? Mi pare molto poco. Prima di continuare ad oltraggiare, valuti serenamente quanto le dico.

Stefy Frau
Stefy Frau
Rispondi a  Roberto Timpani
1 anno fa

Signor Timpani …La sua arroganza non ha bisogno di commenti ulteriori …. la sua unica difesa sono le minacce di denunce solo perché la collega ha detto la verità ?e pensi che io ignoravo la sua esistenza ,come del resto lei la mia..,finché non ho letto il contratto firmato da Lei in quanto rappresentante della Fegica con il sindacato …invece di cercare di aiutare chi ancora crede in voi con le sue parole credo che allontanerà parecchi iscritti dall associazione …e mi creda ..nessuno sta bene c è solo tanta paura ..a qualcuno verrà portata via anche la casa dalle banche…ma le coscienze di chi ha permesso questo?sempre che ce L abbiano una coscienza …a proposito come mi consiglia di fare per riprendere i capitali persi ?questo ha scritto no ?il suo consiglio sarà ben accetto data la sua trentennale esperienza nel settore….la ringrazio in anticipo …saluti

Roberto Timpani
Roberto Timpani
Rispondi a  Stefy Frau
1 anno fa

Quale sarebbe la verità ? che prendiamo i soldi delle compagnie ? Che siamo venduti ? Chi pensa questo certamente non puo’ stare nel nostro sindacato. Saro’ arrogante e come la lucertola che agonizza nella ciotola di acqua di una gestrice sarda, ma chi dice questo si becca una denuncia. Ma lo devo non tanto alla mia persona, figurarsi, mi sono beccato ben altre beghe da parte di amministratori delegati delle compagnie, fino al tribunale, figuratevi se sono impensierito. Lo devo alla mia Federazione e ai gestori che la seguono. Quindi, fatela finita con gli insulti.

Stefy Frau
Stefy Frau
Rispondi a  Roberto Timpani
1 anno fa

Non mi sembra nessuno la stia offendendo qui

Roberto Timpani
Roberto Timpani
Rispondi a  Stefy Frau
1 anno fa

L’ultima, in ordine di tempo ovviamente, perché le offese sono nate da quando ci sono state le prime riunioni degli autoconvocati, è stata la amabilissima Signora Carta. Ma anche la altrettanto affabile e leggiadra signora Maria Cireddu non scherza. Devo dire che il paragone alla lucertola che sta per morire e che deve trovare un piede di un buon samaritano che rovescia la scodella del cane piena di acqua, mi onora. Pensavo sinceramente di essere paragonato a qualche lurido verme. Ma prima o poi arriva pure questo.

Ugo Maccioni
Ugo Maccioni
Rispondi a  Roberto Timpani
1 anno fa

Caro Timpani, ci sono colleghi non sardi e non iscritti ad ANGAC che stanno lavorando per 1,9 centesimi a litro … con vendite medie di 3000 litri al giorni, porta a casa 60€ lordi …. Questo è quanto rimane al gestore tolta la campagna promozionale e pagamento con carta aziendale( considerando che hanno il 4% di servito). Voi come federazione state facendo qualcosa ? Oppure bisogna aspettare che chiudano!! Caro Timpani c’è veramente urgenza di un tempestivo e forte intervento!

Roberto Timpani
Roberto Timpani
Rispondi a  Ugo Maccioni
1 anno fa

Per EG noi stiamo preparando una piattaforma di modifica dell’accordo di appena un anno fa. Se l’azienda ci sta, bene, altrimenti molte sono le opzioni, anche quelle della disdetta dell’accordo. Certo, strada pericolosa ma necessaria. Per Italiana petroli abbiamo aperto la vertenza.

Ugo Maccioni
Ugo Maccioni
Rispondi a  Roberto Timpani
1 anno fa

Eni- Q8 e tutti gli altri? Sig Timpani la categoria è affetta da un tumore ( chiedo scusa per il paragone) e per curarlo ci vuole tempo, ma oggi sta soffocando e ha urgente bisogno di ossigeno per non morire…Cerchiamo di curare il tumore e lasciamo che muoia soffocata nel giro di qualche mese, perché questo è il destino!

Stefy Frau
Stefy Frau
Rispondi a  Ugo Maccioni
1 anno fa

Parole sante !

Roberto Timpani
Roberto Timpani
Rispondi a  Ugo Maccioni
1 anno fa

per Eni sapete tutti da dove partivamo. il 1o luglio abbiamo un primo incontro per rilanciare .

anonimo
anonimo
Rispondi a  Ugo Maccioni
1 anno fa

però bisogna anche dirlo qualcuno con la smania di avere un lavoro in proprio un bar+magari anche il lavaggio ha accettato di tutto dalle compagnie:affitti super esosi e margine da fame con il risultato che prima sono andati in rovina loro poi nel baratro hanno trascinato tutti….cari miei nessuno ti regala niente figuriamoci le società petrolifere impariamo a farci 2conti xchè loro quando ti devono appioppare un impianto ti fanno vedere la luna nel pozzo…..te lo dice 1 che da 52anni tratta con le società

"giovane" gestore
"giovane" gestore
1 anno fa

Forse sono troppo giovane e con poca esperienza rispetto ai colleghi che scrivono e molto meno di Parin e Timpani ma a me sembra di capire, come ho letto che qualcosa di nuovo è partito, ma se poi le iniziative sono una copia di quelle già proposte dal “vecchio” cambiando solo il nome mi chiedo: stiamo facendo veramente il bene di noi gestori? Forse già frammentarci non è un vantaggio, forse lo è per le compagnie e per chi costantemente ha sempre trattato i gestori come l’ultima ruota del carro. Vorrei aggiungere un’altra cosa che dovrebbe far riflettere tutti: diversi anni fa le compagnie (api, eni, tamoil, ecc) sono passati sugli impianti a fare firmare le iniziative di sconto con la partecipazione del gestore, ed io sono stato uno dei primi ad aver firmato rinunciando a più della metà del mio margine, anche se i sindacati mi dicevano di non farlo e che sarei rimasto fregato. Col senno di poi non posso dire che la colpa è la loro, forse io non ho fatto un buon lavoro per la collettività oltre che a me stesso. Oggi ci troviamo di nuovo uno contro l’altro ma non siamo tutti gestori? Non dovremmo unire le forze e fare fronte comune? Voi che scrivete avete firmato come ho fatto io gli accordi singoli ed oggi sparate contro tutti, dicendo che i sindacati sono incapaci. Altra curiosità: quando ci sono stati gli scioperi dei sindacati abbiamo chiuso? io no! oggi ho capito di aver sbagliato perchè ho dimostrato che non siamo uniti. Tutti facciamo un esame di coscienza e poi si dovrebbe andare avanti tutti insieme.

GIOENI
GIOENI
Rispondi a  "giovane" gestore
1 anno fa

concordo l’ unica arma che abbiamo è l’ unione !