Villarosa (M5S), punta a eliminare le commissioni per i pagamenti elettronici

Il sottosegretario al Mef, Alessio Villarosa (M5S), punta a eliminare le commissioni per i pagamenti elettronici sotto i 5 euro e a ridurle sotto i 25 euro, con costi bassi per i settori a bassa marginalità.

Si concentra sugli incentivi ai pagamenti elettronici più che sulle penali per chi usa il contante la strategia del governo per la lotta all’evasione fiscale. Per negozi, esercenti e professionisti che si doteranno di Pos e accetteranno i pagamenti elettronici si ipotizza un credito d’imposta per coprire i costi di installazione e gestione del Pos.

Previsto anche il taglio delle commissioni per le transazioni d’importo inferiore ai 25 euro nei settori a bassa marginalità. Per chi paga, si ipotizza un rimborso fiscale in percentuale sui pagamenti elettronici effettuati. Il sottosegretario all’Economia, Villarosa, boccia invece l’ipotesi di commissioni sui prelievi di contante.

Il Governo va avanti sulla tracciabilità dei pagamenti. Un’operazione imperniata su più interventi ma che avrà come punti fermi gli incentivi. Incentivi destinati sia ad attività economiche e professionali che si doteranno di Pos e altri terminali per la moneta elettronica sia a chi effettua i pagamenti. Nel primo caso sotto forma di credito d’imposta per coprire i costi di installazione e gestione del Pos, almeno all’inizio. Nel secondo caso con un cashback, ossia un rimborso fiscale di una percentuale dei pagamenti effettuati con strumenti alternativi al contante. A seguire da vicino il dossier, su cui sono state già individuate almeno quattro mosse da operare (si veda Il Sole 24 Ore del 13 settembre), è il riconfermato sottosegretario all’Economia, Alessio Villarosa (M5S).

Un progetto in cui avrà un ruolo strategico anche il taglio delle commissioni per negozianti, esercenti e professionisti che si doteranno di Pos e che consentiranno ai loro clienti di pagare senza contanti. Un’interlocuzione già avviata nei mesi scorsi per arrivare a un protocollo d’intesa con l’Abi. «Sto parlando da mesi con gli operatori – sottolinea Villarosa – e resto sempre più convinto che per incrementare l’utilizzo degli strumenti digitali è fondamentale eliminare i costi delle transazioni digitali sotto i  euro e ridurre pesantemente i costi per quelle sotto i 25 euro e garantire bassi costi per quei settori a “bassa marginalità” come, ad esempio, benzinai o edicolanti». L’idea di fondo è quella di limitare l’utilizzo del contante in chiave antievasione.

Ma, come mette in chiaro il sottosegretario, applicare «costi a chi preleva non è nelle nostre intenzioni» perché «tra l’altro stiamo parlando di soldi già tracciati perché presenti nei conti correnti bancari». La strada, invece, è quella di «un pacchetto di incentivi». In primo luogo, precisa Villarosa, «è fondamentale garantire un credito di imposta che copra totalmente i costi di installazione e di gestione almeno per il primo anno». Poi c’è lo stimolo a chi paga garantendo un rimborso di una percentuale dell’importo speso: «Il cashback riguarderebbe sia negozianti che famiglie stiamo ragionando se iniziare dai settori con alte percentuali di evasione o direttamente su tutte le transazioni».

Insomma, un doppio bonus fiscale per agire con un contrasto di interessi che renda appetibile l’alternativa al cash per tutti. Sulla falsariga di quanto già fatto con i carburanti, per i quali dal 1° luglio 2018 solo il pagamento tracciabile dà diritto a deduzione dei costi e detrazione dell’Iva e allo stesso tempo è stato previsto un credito d’imposta per i benzinai.

Un altro ostacolo è la capillarità per arrivare anche a quelle fasce come gli anziani meno avvezze all’utilizzo di carte e bancomat. Il modo per superarlo si chiama «carta unica». Una tessera che, anticipa Villarosa, avrà «carta d’identità, tessera sanitaria, identità digitale e possibilità di attivare in conto di pagamento presso qualsiasi sportello bancario o postale». I lavori sono in corso perché dovrà « garantire gli standard internazionali sui quali ci si è accordato con gli altri Paesi ma troveremo la quadra».

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

8
Lascia un commento

avatar
  Sottoscrivi  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Massimo Moroni
abbonato
Massimo Moroni

parole parole parole…. parole parole parole… soltanto parole e nulla più… Monti docet.. chi le ricorda le disdette di massa di setefi? con annesso ritocchino del canone per rientrare…. parole parole parole… Mina e Alberto Lupo… erano veramente dei grandi…

Massimo Moroni
abbonato
Massimo Moroni

cerchiamo di essere seri… incentivi per i commercianti che si doteranno di pos,,, ma come? non è un obbligo di legge?… forse mi sbaglio, deve essere per questo motivo che sono a conoscenza di una nutrita schiera di commercianti che non solo non hanno il pos ma nemmeno hanno intenzione di dotarsene… la moneta elettronica è solo una fregatura sia per il commerciante che per l’utente…

Luca
Ospite
Luca

Commissioni Zero, la via è questa. Così si eliminano anche i contanti. Ma ci vuole tanto???

gioeni
Ospite
gioeni

come fecero qualche anno fa.. commissioni zero per il pagamento di carburante sotto i 100€… e poi le banche applicarono un canone hai pos che, specialmente per chi non aveva erogati alti, era superiore alle commissioni pagate.
durò un anno la cosa e poi si torno con le commissioni, più alte, e alcune banche mantennero anche parte del canone…
uno schifo! e intanto si fanno regali alle banche come se non ne avessero già abbastanza…

ma le famose proteste di settembre, tanto blasonate prima delle ferie dove sono finite… ? già messo tutto a tacere…?

pippo
Ospite
pippo

Commissioni gratis fino a 5 € e ridotte sotto i 25
Il costo ridotto se istallo il pos per il primo anno
Queste sarebbero le proposte anti evasione fiscale pensato da un ministro e sottosegretario del Mef pagato dai contribuenti 20 mila € al mese
Egregio Villarosa sia sincero anche perché gli ITALIANI non sono tutti fessi questo è l ennesimo regalo alle poste e banche ,lo scopo è di mettere una carta di plastica in tasca a ogni italiano ,c’e ancora una torta miliardaria da spartire

gioeni
Ospite
gioeni

e poi vogliamo parlare di tutte le carte di debito che le banche rifilano ai clienti dicendo che sono bancomat solo perché hanno l’ addebito immediato… ma in realtà vanno sul circuito delle carte con le commissioni minimo doppie dei bancomat?
ALTRA TRUFFA DELLE BANCHE A DISCAPITO DI ESERCENTI E CONSUMATORI

max
Ospite
max

il pos e obbligatorio a noi poveri coglioni il mio barbiere e 30 anni che vado non ha mai rilasciato ricevuta come antennisti elettricisti idraulici nessuno si chiede perché hanno delle mega ville con piscina moto e macchine di lusso si vede che sono oscurati dal fisco !!!

beppe
Ospite
beppe

i 5s faranno la fine della boldrini…..