Angac e Benzinai Italiani Liberi richiedono di partecipare al tavolo di trattativa. Per Gaia totale appoggio all’iniziativa Gisc_TV

Angac_EniLa lettera con cui Eni ha voluto richiamare all’ordine la protesta della Gisc_TV ha creato una serie di dure reazioni che hanno portato anche le altre sigle, dopo Faib, Fegica e Figisc a formulare una richiesta di incontro urgente su un possibile tavolo di trattativa. Nell’ordine prima Anganc e  poi Benzinai Italiani Liberi hanno scritto direttamente ad Eni , mentre Gaia si è contraddistinta per un dichiarato sostegno anche fattivo dell’iniziativa dei Gestori Eni aderenti a Gisc_TV. 

L’associazione dei Gestori Angac  ha alzato i toni dello scontro con Eni e dopo il messaggio di solidarietà nei confronti di Gisc_TV ha voluto formulare una richiesta di incontro dichiarandosi da subito pronta a “rivolgersi alla Magistratura qualora la via del dialogo e del confronto sindacale dovesse fallire”.  Angac, inoltre è “colpita dal taglio “legale “ della reazione dell’ENI “che ricorre ad argomentazioni giuridiche per contrastare l’iniziativa dei nostri colleghi riferendosi a “violazioni di impegni contrattuali ed illegittimità dell’iniziativa” in quanto contraria a prescrizioni contrattuali, spostando il confronto dialettico sul campo legale a noi ANGAC ben caro per la nostra idea di fare sindacato.” La stessa ENI è stata già da noi, continua la missiva, “invitata a suon di diffide a confrontarsi proprio sull’illegittimità di quell’accordo aziendale siglato nel 2014 ( secondo noi del tutto violativo della normativa comunitaria e nazionale in tema di concorrenza ed a cui la compagnia ricorre per perpetrare reiterati abusi di dipendenza economica nei confronti dei gestori di bandiera) del quale invece ENI oggi ne invoca il rispetto e l’osservanza contrattuale( sic!).” Alzando ancora di più il tono dello scontro e non riconoscendo la validità dell’accordo e comunque per Angac “non vincolante per i non appartenenti alle solite sigle firmatarie che oggi inscenano il disappunto verso la Petrolifera dimenticando dove fossero nel 2014 – non può protrarsi oltre la data del 31.12.2016 con consequenziale ricaduta sulla regolamentazione dei specifici rapporti contrattuali connessi e riconducibili all’accordo.”

Più votata al dialogo la comunicazione inviata nella giornata di venerdi a Giovanni Maffeida dal presidente di Benzinai Italiani Liberi , Ferruccio Schiavello, il quale “richiede un incontro immediato e urgente per discutere della grave crisi economica in cui si trova la categoria e nel caso di specie i gestori a marchio Eni”. Una situazione allo stato non più sostenibile che porta le gestioni in passivo e in grave sofferenza economica: “una situazione a dire il vero, aggiunge, che non riguarda solo i gestori a marchio Eni ma, più in generale tutti i gestori di tutte le varie compagnie petrolifere”. “Far finta di non vedere e nascondere il problema, scrive Schiavello, vuol dire non prendere atto di una situazione conclamata e soprattutto non voler “bene” sia all’azienda che ai gestori che restano nel territorio la vera “faccia” ed immagine di Eni”. Dopo aver osservato che “sotto molti aspetti è condivisibile la proclamata protesta di Gisc-TVa cui non possiamo non dare la nostra solidarietà e appoggio”, Schiavello però va subito oltre, affermando che “crediamo nell’interesse di tutti che sia necessario e auspicabile un sano e tranquillo confronto per arrivare in tempi brevissimi ad un accordo che porti soprattutto serenità a tutto l’ambiente”.

“Per tali motivi, conclude Schiavello, confidiamo nella lungimiranza dei dirigenti Eni per un confronto con tutte le associazioni per arrivare, tutti insieme, a trovare soluzioni innovative che consentano ad Eni ed ai gestori la giusta marginalità”.

In un comunicato, l’associazione dei Gestori GAIA, si è dichiarata “solidale con la protesta indetta dal Comitato di Colore Eni di Gisc_Tv, dal 22 al 27 giugno, CONTRO l’insensibilità di Eni S.p.A. ed invita i propri associati, a marchio Eni, sostenitori e collaboratori, a praticare il “boicottaggio del prezzo del servito”, insieme ai colleghi” ritenendo  che la protesta sia ” innovativa e praticabile anche su tutto il territorio nazionale. Sicuramente un apri pista per nuove “proteste diverse” dal solito. E’ tempo che la predominanza esclusiva delle compagnie petrolifere volga al termine e che il “Gestore” si riappropri del ruolo e reddito che gli spetta!”

Lettera Benzinai Liberi Italiani 

Lettera Angac

Lettera Gaia  

  • 18
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 0 Vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
5 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
pippo
pippo
22 giorni fa

Faib Fegica e Figisc,hanno si chiesto un incontro a Eni per ,ancora una volta ,discutere ,ma non mi sembra abbiano preso posizione sul comportamento anti sindacale nei confronti di Gisc ,ne tanto meno espresso solidarietà ,,come stanno facendo tutte le altre sigle “peones” sindacali
Vorrei ricordare a tutti ,e non lo dico io ma molti colleghi ,che se non si capisce che ,in questo momento particolare di crisi ,e accettando consapevolmente ,che questa non è la fine ,ma l inizio della vera crisi che verrà piu avanti ,se non si sarà uniti sia sindacalmente che tra gestori , magari coinvolgendo prestatori di servizi, perchè no dipendenti di retisti ,clienti ,qualunque figura che gravita attorno al mondo dei carburanti non andremmo e come sindacato non andrete da nessuna parte
Le compagnie si stanno arroccando sugli scudi con quello che gli riesce meglio ,ricatto paura ,anti sindacalismo ,minacce ,Noi cosa stiamo facendo ? Chiediamo riunioni ,ci presentiamo disuniti ,8 sigle 8 comunicati !!! Penso non stiamo/state capendo che siamo alla “disperazione ,gli impianti non possono sopportare un calo del 20 30% con un margine ridicolo come quello attuale ,i lavaggi sono fermi ,i bar vuoti con l unica cosa che cammina ,Gli affitti e le spese fisse
Penso di condividere il pensiero di molto gestori PER FAVORE ;UNITEVI ;MAGARI TAPPANDOVI IL NASO PER UNA VOLTA ;MA PENSATE AI GESTORI E SOLO AI GESTORI
GRAZIE

Roberto Timpani
Roberto Timpani
Rispondi a  pippo
22 giorni fa

Caro Pippo, come sai alcune volte ho espresso dissenso su quello che scrivi, altre volte invece ho espresso il desiderio che venissi “clonato” per fare in modo che molti gestori abbiano la tua grinta e la tua determinazione. Per una volta ancora debbo pero’ precisare che sin da quando si sono costituite queste micro associazioni abbiamo ricevuto solo insulti – al limite della denuncia penale – dicendo che eravamo venduti, a busta paga delle compagnie, conniventi etc.. Altre hanno – dopo – espressamente dichiarato che la loro strategia si fonda nelle azioni legali per i singoli gestori , a tutto beneficio di qualche studio di avvocati, che di volta in volta si sono avvicendati nel seguire le loro vicende. Ora non si tratta di “turarsi il naso” ma ci sono profonde diversità nel come affrontare questi momenti , a parte le offese che comunque pesano, al di là di repentini cambiamenti di marcia. Per Parin, al quale riconosco lucidità di analisi e coerenza da almeno venti anni, il discorso è diverso. Avremo modo di rappresentare ad Eni che il loro comportamento è stato inaccettabile ed antisindacale . lo faremo al momento opportuno e soprattutto nell’incontro che dovremmo avere a giorni. Ma al di là di Moreno Parin, con gli “autonconvocati” o con i fuoriusciti da atre organizzazioni, credo ci sia poco da fare.

Pasquale Violi
Pasquale Violi
Rispondi a  Roberto Timpani
22 giorni fa

Solo uniti si vincono le battaglie,il resto sono polemiche inutili,altrimenti si pensa solo a se stessi e non al bene dei gestori.

pippo
pippo
Rispondi a  Roberto Timpani
21 giorni fa

Buongiorno Timpani
Il mio /nostro è un grido di dolore e di rabbia ,e come dice Violi ,solo uniti si vincono le battaglie .e guai !! pensare al passato di chi ci ha fatto cosa e chi ci ha detto cosa guai solo 4 mesi fa chi avrebbe detto che oggi avremmo avuto 4/500 mila morti per un virus al mondo ? chi avrebbe pronosticato 35mila morti in Italia ? chi avrebbe voluto il 30 / 40 % della riduzione dei consumi !! chi ?Non dobbiamo vedere le diversità ,ma solo quello che ci può unire ,e ce ne sono ,e hanno un nome e cognome GESTORI ,poi quando tutto sarà finito ,tornerete nelle vs cabine di regia a fare quello che volete .Oggi non ve lo potete permettere ,oggi dalle comp colorate, ai retisti ,alla mafia ,ci distruggeranno se non sarete uniti ,magari solo figuratamente ,ma devono sapervi uniti,si va tutti assieme a discutere dei problemi degli unici che non si possono più permettere nulla i Gestori ,i loro dipendenti ,le loro famiglie
Sono sicuro che i gestori e tutta la filiera carburanti ,sapendovi uniti ,vi seguirà in una qualsiasi forma di lotta
Non date più ascolto politici incompetenti ,a manager ottusi ,date ascolto per una volta ai Gestori

mario
mario
Rispondi a  pippo
21 giorni fa

e da 42 anni che sostengo l’unità sindacale tutto il resto e fuffa