I Contratti di Appalto sono un regalo a chi è contro le regole

L’utilizzo del contratto di appalto per la rete distributiva dei carburanti nel dibattito promosso da Fegica e Figisc con la partecipazione della Faib è stato al centro del convengo andato in scena lo scorso giovedi  all’interno della rassegna di eventi e convegni organizzata da Oil&nonOil . 

Unannime il giudizio delle associazioni di categoria contrarie all’utilizzo di questa tipologia contrattuale e di altri omologhi del tutto estranei alla normativa vigente. Per Bruno Bearzi Presidente Figisc Confcommercio, Giuseppe Sperduto Presidente Faib Confesercenti e Roberto Di Vincenzo Presidente Fegica i titolari di autorizzazione che lo adottano utilizzano un meccanismo per rendere più precario possibile il rapporto con i gestori dei propri punti vendita. A cominciare dall’obbligo normativo a negoziare collettivamente per equilibrare una relazione naturalmente sbilanciata.

Oltre alla denuncia i presidenti hanno chiesto la “ricostituzione di un sistema regolatorio organico che restituisca il settore a soggetti in grado di dimostrare il possesso di requisiti, ammodernamento e razionalizzazione della rete distributiva con strumenti cogenti per candidare credibilmente la medesima rete ad avere il ruolo decisivo che le compete nell’ambito della transizione energetica e quindi nei progetti del Pnrr” abbandonando le  politiche di piccolo cabotaggio e cortissimo respiro come, ad esempio, quella di continuare ad individuare il gestore come il nemico e di cucirgli addosso la camicia di forza contrattuale dell’appalto, pur di giustificare le proprie inefficienze.

Tra le motivazioni con le quali i titolari di autorizzazione impongono contratti di appallto ci sono la durata (1/3 anni), ci sono il controllo del prezzo al pubblico, senza riconoscere alcun diritto e per poter cambiare il “Gestore” come fosse una scarpa vecchia.

Un contratto quello di appalta totalmente illegale perchè fuori dal quadro normativo che regolamenta il settore. Chi lo tutilizza viola palesemente la legge con la certezza che, stante la latitanza di chi dovrebbe far rispettare le regole (o reprimere comportamenti illegali), può procedere impunemente. Anche in funzione della lentezza della Giustizia Civile.

Essere Appaltisti vuol dire essere esposti ad un potere disciplinare, stante la precarietà dei contratti, (al limite del ricatto); rinunciare al rispetto del proprio lavoro e della propria dignità, oltre ad avere un trattamento economico da fame; perdere la speranza nel futuro e nel riscatto.

CD FLASH 7 – 17 NOVEMBRE 2022

Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
pippo
pippo
11 giorni fa

Se i contratti di appalto sono fuori legge ,ledono i diritti ,la dignità ,perché non andate in procura è li denunciate ? perché non proclamate uno sciopero generale per aiutare chi si trova nella merda più assoluta per colpa di tali contratti ? Perchè non andate dal nuovo ministro magari accompagnati dll ex sindacalista Squeri e pretendete di mettere fuori legge tutti quei contratti che stanno rovinando migliaia di vs ISCRITTI !!!!!!!!!! Quello detto in quella riunione ,dibattito lo sappiamo da anni ,non avete detto niente di nuovo ,anzi la solita tiritera inconcludente .L anno prossimo sentiremo la solita trafila .Parlate ,parlate ma in conclusione il culo lo mettiamo noi .Grazie

Franco
Franco
Rispondi a  pippo
10 giorni fa

Caro Pippo, ti inviterei a ragionare con meno enfasi cosi da provare a fare una analisi più lucida e vicino alla realtà. Parli di fare sciopero e quali pensi poterbbe essere ad oggi l’adesione dei nostri colleghi visto il periodo storico in cui stiamo vivendo e vista la categoria che trova mille scuse per stare aperta piuttosto che fare valere un diritto sacrosanto come lo sciopero. Se hai visto il filmato avrai sentito Di Vincenzo che segnalava le lettere di denunce mandata ai maggiori organi istituzionali i quali non hanno mosso un dito per sanzionare tale comportamento. Ovviamente è sempre molto facile dare le responsabilità al sindacato ma prova una volta tanto a ricordarti quali sono le responsabilità di tutti gli altri e magari chiederne conto…

pippo
pippo
Rispondi a  Franco
10 giorni fa

Ho sempre detto che le responsabilità sono dei gestori in primis ,e del sindacato Dei gestori che credono di far da soli sia la soluzione ,ignoranti e invidiosi .Del sindacato che non ha saputo tenere insieme i gestori ,anzi ,con i comitati di colore li ha divisi .Vorrei anche capire a chi sono state fatte le denunce ,alla procura ? al governo ? perchè se i contratti sono fuorilegge ,la cosa è grave .Report ,o le Iene potrebbero risolvere il problema .Lo sciopero .quale altra forma di lotta civile per rivendicare un diritto esiste ? andiamo ha imbrattare i musei e ci incolliamo ai muri ? blocchiamo le strade sdraiandoci sopra ? perchè vedi quei 4 cretini che lo fanno ,hanno più spazio di noi sui telegiornali Quindi quale soluzione proponiamo ? Noi gestori abbiamo un grosso macigno sulle spalle che ci blocca ,l ignoranza dei gestori ,un sindacato che parla parla ,vecchio e senza risposte Alla prossima edizione di OIL e non OIL basterà cambiare la data ,il testo sarà lo stesso .Purtroppo Un saluto